Foie gras messo al bando in California ma la domanda lievita

oche foie gras

Dal prossimo primo luglio in California il foie gras, il fegato grasso d'oca, verrà messo al bando. La pratica, a dir poco crudele, di ingozzare le oche a dismisura per far crescere in modo abnorme il fegato non viene più ritenuta accettabile per un Paese civile.

A dire il vero, anche se il divieto sarà effettivo a partire dal mese prossimo, la legge è stata messa a punto otto anni fa (nel 2004). Il governo californiano ha concesso decisamente molto tempo all'unico produttore di foie gras del Paese, la Sonoma-Artisan Foie Gras, per studiare un metodo meno crudele e meno invasivo per gli animali per ottenere quella che è considerata una delizia, apprezzata dai palati più raffinati.

Un obiettivo fallito dalla Sonoma-Artisan Foie Gras. Ora il tempo è scaduto e stavolta non per le povere oche. Malgrado le petizioni di diversi chef che invitano il Governo a riconsiderare la messa al bando del foie gras, non è in programma alcuna marcia indietro. Gerald Hirigoyen, chef e proprietario del Piperade in San Francisco, si dice addolorato per una decisione così drastica, è cresciuto in una fattoria e massaggiava sin da bambino il collo delle oche (così si dice adesso far scendere il cibo forzatamente nell'esofago).

Allevamenti oche foie gras Allevamenti oche foie gras Allevamenti oche foie gras Allevamenti oche foie gras

Soddisfazione, invece, è stata ovviamente espressa dalle associazioni di animalisti. Paul Shapiro della Humane Society of the United States, a commento della decisione del governo, spiega:

L'alimentazione forzata delle anatre al fine di far lievitare il fegato, fino a dieci volte la sua dimensione normale, è una pratica disumana. I californiani fanno bene a vietarla.

no foie gras oipa

Intanto, prima che la messa al bando sia definitiva, passerà un mese. Un mese di banchetti a base di foie gras. Il divieto imminente ha fatto infatti lievitare la domanda e diversi chef, anche per protestare, stanno organizzando cene (in gran segreto per evitare contestazioni animaliste) per offrire ai loro clienti un ultimo assaggio della pietanza. Pensate che il prezzo è raddoppiato. E alcuni chef confessano che tra i commensali ci sono sì estimatori di lunga data del piatto, ma anche molte persone che non lo avevano mai assaggiato e vogliono rimediare al loro errore (?) prima che sia troppo tardi. Il fascino del proibito colpisce ancora. Beh, certo, si affrettino pure, non capiterà più, a breve, di poter gustare il fegato di un'anatra malata di steatosi epatica, che sfortuna eh?

Certo che otto anni tra il dire e il fare la California poteva risparmiarseli. Avrebbe potuto porre ben prima fine alle atroci sofferenze che vedete documentate nella gallery che segue. Ma dovevano ingozzarsi ancora un po' e... senza nessuno che li forzasse, pensate un po'. Si saranno divertiti ugualmente senza qualcuno che gli massaggiava "delicatamente" il collo e senza il cibo che colava in bocca da un imbuto?

Allevamenti oche foie gras Allevamenti oche foie gras Allevamenti oche foie gras Allevamenti oche foie gras

Allevamenti oche foie gras Allevamenti oche foie gras Allevamenti oche foie gras Allevamenti oche foie gras

Via | San Francisco CBS Local ; Sun Times; Press Herald
Foto | OIPA

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: