Bike the Nobel: la campagna di Caterpillar a sostegno della bicicletta

banner-bike-the-nobel.jpg

Caterpillar, il noto programma radiofonico di Rai Radio 2, ha lanciato una candidatura molto speciale per il premio Nobel: quella della bicicletta! Azzardato? A ben vedere non tanto visto che in passato il Premio Nobel è andato a Barack Obama, comandante in capo di un esercito che nelle operazioni con i droni in Asia ha ucciso, durante i primi sette anni della sua amministrazione, migliaia di civili e presidente di un Paese in cui, nell’ultimo anno, oltre 1060 persone sono state uccise dalla polizia.

Quindi se i precedenti “pacifici” sono questi perché non candidare la bicicletta? Il mezzo non richiede l’utilizzo di quei carburanti fossili che sono alla base della maggior parte delle guerre in corso. La bicicletta è intrinsecamente pacifica, i suoi utilizzatori appartengono a una sempre più folta schiera di persone interessate alla salvaguardia del Pianeta. Perché non candidare la bicicletta, dunque?

La trasmissione condotta da Massimo Cirri e Sara Zambotti, in onda dal lunedì al venerdì alle 17.30 su Radio2, ha infatti deciso di proporre come prossimo candidato al premio per la Pace proprio il mezzo a due ruote più usato del mondo. Per sostenere questa candidatura Caterpillar invita tutti a contribuire alla causa con firme, sondaggi e a partecipare ad una simbolica ‘staffetta a pedali’ per consegnare la candidatura alla commissione che si riunirà, nel febbraio 2016 ad Oslo, per ufficializzare le nuove designazioni.

Cirri e Zambotti motivano l’inziativa spiegando che

“la bicicletta è il mezzo di spostamento più democratico a disposizione dell’umanità non causa guerre, non inquina, riduce di molto gli incidenti stradali, elimina le distanze tra i popoli, è uno strumento di crescita per l’infanzia e, in passato, è stata usata dai movimenti di liberazione e resistenza di molti paesi”.

Tutte le informazioni per partecipare alla campagna sono sul sito di Caterpillar.

Via | Caterpillar

  • shares
  • +1
  • Mail