Agricoltura e cambiamenti climatici, la soluzione è l’Agroecologia

I cambiamenti climatici impongono nuove regole all’agricoltura, anche per interrompere il circolo vizioso nel quale l’agricoltura industriale è allo stesso tempo vittima e carnefice della crisi climatica. La soluzione per sottrarsi a un declino che potrebbe diventare estremamente pericoloso in un contesto demografico in continua espansione si chiama agroecologia, un insieme di tecniche agricole basata su princìpi ecologici ed etici riconosciuti e adottati in tutto il mondo.

Si tratta di tecniche con le quali è possibile coltivare materie prime più sicure, alimentari e non, nel rispetto della biodiversità, della salute collettiva e delle risorse del pianeta.
Aboca Edizioni ha presentato negli scorsi giorni Agricoltura e cambiamento climatico, un saggio firmato dal fisico e teorico dei sistemi, Fritjof Capra. Alla presentazione è intervenuto anche il viceministro alle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Andrea Olivero che ha ricordato lo sviluppo che l’agricoltura biologica ha avuto nel nostro Paese negli ultimi anni: il settore bio “ha raggiunto l'11% di tutta la superficie utile agricola e può crescere ancora molto con gli incentivi che abbiamo messo in campo e che spero diano i risultati che abbiamo in qualche modo costruito”.

Se l’agricoltura industriale contribuisce ai cambiamenti climatici perché basata su prodotti derivati dai combustibili fossili, l’agroecologia propone una strada alternativa nella quale il suolo organico attira C02 dall'atmosfera e la mette nella materia organica.

Via | Askanews

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 60 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO