Animali selvatici colpiti dal terremoto, a Finale Emilia volpe estratta dalle macerie

Il terremoto del 20 e del 29 maggio scorso ha causato 25 morti, decine di feriti ed oltre 16 mila sfollati. In Emilia Romagna centinaia anche gli animali domestici che hanno ricevuto soccorso, grazie anche all'intervento dell'ENPA e di diversi volontari che hanno allestito tendopoli per i cani ed accolto i gatti nei gattili e nelle case. Al momento è in corso il censimento dei pets nelle tendopoli per conoscere le cifre esatte dell'emergenza ed organizzarsi al meglio.

Anche gli animali selvatici purtroppo sono stati pesantemente colpiti dal terremoto. In tanti, tra gufi, altri uccelli notturni, volpi erano soliti infatti trovare rifugio nei fienili e nelle case diroccate nelle campagne del modenese. Il Centro Fauna Selvatica di Modena “Il Pettirosso", convenzionato con la Provincia, ha salvato dalle macerie ed accolto diversi animali nei giorni scorsi. Per aiutare i volontari si può contribuire offrendo un sostegno economico o adottando un animale sfollato, per avere ulteriori informazioni inviate una mail a info@centrofaunaselvatica.it oppure telefonate ai numeri 339 8183676-339 3535192. Stessi numeri validi se avvistate animali selvatici in difficoltà. Importante non intervenire rischiando di peggiorare la situazione, in caso di emergenze si può contattare anche il 118.

Tra gli animali selvatici salvati dal Centro Fauna Selvatica di Modena nei giorni scorsi c'è questa splendida volpe che era rimasta intrappolata in un edificio crollato a Finale Emilia, esattamente nella frazione di Canaletto, una tra le più colpite dal sisma. L'animale è stato localizzato dalla Forestale e dai volontari del Centro, impegnati in un sopralluogo nell'area, grazie ai lamenti che si udivano provenire da sotto le macerie. Al momento la volpe è ospite del Centro e si sta riprendendo dalle ferite riportate.

Via - Foto | Provincia di Modena

  • shares
  • Mail