India: rinoceronti nel mirino dei bracconieri, 10 uccisioni

Sono trascorsi 10 anni da quando l'India ha annunciato di avere messo fine al traffico di corni di rinoceronte, una battaglia ancora molto lontana dall'esser vinta e conclusa: secondo le stime del governo di Nuova Delhi, citate dall'AFP, quest'anno almeno una decina di rinoceronti sono già stati uccisi dai bracconieri nel parco di Kaziranga.

L'India ospita la più grande popolazione al mondo di rinoceronti unicorni, protetti dalle leggi dello Stato e da decine di pattuglie di uomini armati dispiegati dalle autorità, i quali tuttavia fanno fatica a contrastare la minaccia crescente dei bracconieri.

"Quando ci hanno visto, hanno cominciato a sparare. Allora anche noi abbiamo aperto il fuoco. Dopo la sparatoria abbiamo trovato il corpo di uno dei bracconieri, gli altri due erano scappati"

ha dichiarato una guardia nel video AFP in testa a questo post.

Risulta molto difficile tutelare a dovere i 2500 rinoceronti che vivono nella zona, in quanto molti residenti accettano denaro dai bracconieri per non denunciare e persino per agevolare l'attività venatoria illegale, ed anche la polizia è stata più volte denunciata per violenze e per "sparare a vista".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail