World Economic Forum di Davos, via all'Hydrogen Council

hyundai-stazione-di-rifornimento-di-idrogeno-offenbach-2.jpg

Sono iniziati col botto i lavori del World Economic Forum di Davos, in Svizzera, che si tengono in questa seconda metà di gennaio 2017: 13 aziende del settore energetico, dei trasporti e del comparto industriale hanno lanciato un'iniziativa globale unitaria per esprimere al meglio, nel lungo termine, la proposta di transizione energetica in favore dell'idrogeno.

Il gruppo si chiamerà Hydrogen Council ed è la prima volta che si pensa di realizzare un attore del genere sul piano internazionale per spingere soluzioni energetiche diverse e più ecologiche: l'obiettivo principale è accelerare gli investimenti nel settore per poter così ampliare i comparti di sviluppo e commercializzazione, per realizzare celle combustibili a idrogeno sempre più capienti, performanti e sicure. Attualmente questi investimenti ammontano, a livello globale, a 1,4 miliardi di dollari l'anno ma questa accelerazione voluta dai produttori aumenterà questa fetta.

Il Consiglio è composto, attualmente, da 13 amministratori di diversi gruppi energetici internazionali e tra i suoi principi fondanti c'è l'accordo sul clima di Parigi COP21: si opera quindi nell'ottica di risolvere il dilemma ambientale moderno, evitando di superare la quota di 2 gradi di aumento di temperatura globale. Attualmente nel Consiglio ci sono rappresentanti di Air Liquide, Alstom, Angloamerican, Gruppo BMW, Daimler, Engie, Honda, Hyundai, Kawasaki, Royal Dutch Shell, Gruppo Linde, Total e Toyota.

"L'accordo di Parigi 2015 per combattere il cambiamento climatico è stato un passo significativo nella giusta direzione ma richiede un'azione pratica da intraprendere per rendere tale impegno una realtà. [...] una chiara ambizione di spiegare perché l'idrogeno emerge tra le soluzioni chiave per la transizione energetica [...] ma non possiamo farlo da soli. Abbiamo bisogno di governi per sostenere le politiche per l'uso di idrogeno con le azioni politiche - ad esempio attraverso programmi di investimento in infrastrutture su larga scala. Il nostro appello oggi ai leader del mondo è quello di impegnarsi"

ha dichiarato alla stampa Benoît Potier, amministratore delegato di Air Liquide e Presidente dell'Hydrogen Council. Qui puoi trovare quelli che sono i valori fondanti di questo nuovo attore internazionale

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 8 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO