Eolico: in Germania i cittadini investono nelle energie rinnovabili

Il 93% delle ultime aste per gli incentivi ai nuovi parchi eolici in Germania è stato vinto da cooperative di cittadini. Che hanno forti vantaggi a investire i propri soldi nelle rinnovabili.

investimenti eolico germania cittadini

Due terzi delle offerte presentate nel primo round di aste pubbliche per l'assegnazione degli incentivi ai parchi eolici on shore in Germania è stato presentato da cooperative e imprese formate da cittadini comuni. Il 93% delle aste è stato vinto da aziende di questo tipo, con un prezzo per kWh minimo pari a 5,25 centesimi di euro e uno massimo di 5,78 centesimi. E' quanto comunica, non senza orgoglio, il Governo tedesco in una nota ufficiale.

In tedesco si chiamano "Bürgerenergiegesellschaften", in italiano potremmo tradurre con "imprese comunitarie del settore energetico". Comunque le si voglia chiamare, però, è chiaro che sono la prossima frontiera delle energie rinnovabili in Germania e un successo della politica tedesca pro rinnovabili. Già, perché l'elevata partecipazione dei cittadini alle aste per l'eolico (richieste per 2.137 MW, contro gli 800 MW messi all'asta dal Governo) non è casuale, ma frutto di una precisa politica pubblica che riserva alcune facilitazioni alle imprese comunitarie rispetto alle tradizionali grandi utilities dell'energia o ai fondi di investimento.

I cittadini, ad esempio, sono esentati da alcuni requisiti che le aziende normali devono avere per competere alle aste per gli incentivi all'eolico. Non devono ottenere autorizzazioni per il progetto, prima di partecipare all'asta. Hanno 24 mesi in più per terminare la costruzione dell'impianto se vincono e, quando vincono, ottengono automaticamente il prezzo per kWh più alto tra quelli assegnati in quel determinato round di aste. In questo caso tutti i progetti comunitari approvati riceveranno una remunerazione di 5,78 centesimi di euro al kWh prodotto, anche se hanno partecipato all'asta offrendo un prezzo inferiore. A fronte di questi vantaggi, però, le Bürgerenergiegesellschaften hanno l'obbligo di cedere il 10% delle loro azioni ai Comuni in cui verranno costruiti i parchi eolici.

Rainer Baake, Segretario di Stato al Ministero per l'Economia e l'Energia del Governo tedesco, ha commentato: "Il fatto che abbiamo visto una competizione così alta, che ha portato i prezzi così in basso, e che c'è stata una così vasta partecipazione dei cittadini, mostra che il cambio di paradigma dai finanziamenti fissi stabiliti dal Governo ai prezzi creati dal mercato sta lavorando bene".

La crescita delle rinnovabili in Germania è il risultato di un duro e duraturo lavoro di un gran numero di persone, aziende, associazioni. Le imprese energetiche comunitarie, in particolar modo, sono riuscite a far crescere il consenso dei cittadini nei confronti delle rinnovabili. Per questa ragione, spiega la nota del Governo tedesco, il Ministero dell'Economia e dell'Energia ha escogitato una strategia per assicurare che questo tipo di iniziative possano sopravvivere ed essere competitive alle aste per gli incentivi alle rinnovabili in Germania.

Credit foto: Flickr

  • shares
  • Mail