Energie rinnovabili: costo dell'energia eolica dimezzato nel 2030

Secondo il DOE americano il costo dell'energia elettrica prodotta dalle pale eoliche scenderà a 23 dollari al MWh. Senza incentivi alle energie rinnovabili.


Energie rinnovabili: costo dell'energia eolica dimezzato nel 2030


Tra le energie rinnovabili, l'eolico è quella che ancora fa più fatica delle altre a stare sul mercato senza incentivi e sussidi pubblici. A fronte di una gran mole di energia elettrica rinnovabile prodotta, infatti, le pale eoliche scontano ancora alti costi di progettazione, di costruzione e di installazione. Eppure, secondo il National Renewable Energy Laboratory (NREL), che fa capo al Department of Energy (DOE) americano, grazie alle nuove tecnologie già nel 2030 il costo dell'energia elettrica prodotta dagli impianti eolici potrebbe scendere a 23 dollari al MWh (cioè il 50% del costo attuale), rendendo questa fonte competitiva con tutte le altre rinnovabili, con l'energia nucleare e con le fonti fossili.

Il segreto, secondo lo studio del NREL, sta tutto nell'ottimizzazione: bisogna trovare il modo di massimizzare le ore produttive degli impianti eolici, migliorando le previsioni di producibilità dei siti dove si installano gli impianti eolici e integrando molta elettronica all'interno delle pale eoliche. Affinché le torri si adattino al vento e producano di più.

l'"ottimizzazione" degli impianti eolici, inoltre, dovrebbe portare a un uso più efficiente dei materiali di costruzione, a minori costi di manutenzione, a una maggiore vita utile degli impianti. Ricapitolando e sintetizzando: bisogna spendere meno per costruire degli impianti eolici che producono più energia rinnovabile, per più ore al giorno e per più anni.

Tra le tecnologie che potrebbero aiutare l'eolico a fare questo salto generazionale, il NREL cita la cosiddetta SMART (System Management of Atmospheric Resource through Technology), cioè una serie di metodiche che permetterebbero una stima altamente accurata di quanto potrebbe produrre (in un determinato sito) ogni impianto eolico, un monitoraggio in realtime del vento da parte della turbina stessa (tramite specifici sensori), un nuovo design delle turbine, del rotore e del motore, un maggiore dialogo e scambio di dati tra la turbina e la rete elettrica a terra, in modo da limitare i fermo macchina per sovraccarico della rete.

Alla tecnologia SMART il NREL suggerisce di abbinare anche la tecnologia Atmosphere to Electrons (A2e), che in estrema sintesi consiste nell'unire i complessi modelli di previsione dei venti con la potenza dei supercomputer.

Secondo il NREL, solo con un salto di qualità del genere l'eolico potrà essere competitivo in breve tempo senza ricevere incentivi statali. Negli Stati Uniti, d'altronde, il vento non manca: se fosse utilizzato tutto per produrre energia elettrica basterebbe a coprire sette volte i consumi americani.

Credit foto: Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail