Bike sharing a flusso libero: problemi anche a Vienna

Anche nella capitale austriaca i servizi di bike sharing free floating come Ofo e oBike sono sotto accusa a causa dei vandali.


bike sharing vienna


Biciclette nel fiume o che bloccano i marciapiedi, impedendo ai pedoni di passare. Non è Milano, non è Firenze. E' Vienna. Ebbene sì, anche nella civilissima capitale austriaca le biciclette condivise a flusso libero sono oggetto di atti vandalici e di comportamenti poco civili, esattamente come succede in Italia.

A Vienna il bike sharing a flusso libero è operato da Ofo e oBike, ed entrambi gli operatori stanno cercando di frenare l'avanzata dei vandali. Con video diffusi sui social network e con minuti gratuiti per i clienti civili. Ma anche con un numero verde che può essere utilizzato per segnalare i parcheggi scorretti, come ha fatto oBike. Ma la telefonata porta solo all'intervento di un mini team di due operatori che riposizionano le bici, non c'è possibilità di trovare e punire i ciclisti incivili.


Tra l'altro a Vienna si registra una netta differenza nel numero dei casi di inciviltà tra i clienti dei servizi a flusso libero e quelli di bike sharing tradizionale (che, cioè, obbligano a parcheggiare la bici esclusivamente nelle rastrelliere): se oBike registra anche 15 parcheggi selvaggi al giorno, Citybike ne conta al massimo tre a settimana.

L'associazione pro ciclisti Radlobby, come riporta il quotidiano austriaco Kurier, critica fortemente la risposta data da oBike al fenomeno dei parcheggi selvaggi a Vienna: "In generale, ancora vediamo troppi pochi passi concreti verso il miglioramento del servizio", ha affermato il portavoce Alec Hager riferendosi ai due soli dipendenti che dovrebbero risolvere il problema.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO