Lexus 500h: ibrida, unica e rivoluzionaria [Video]

Lexus 500h, la Gran Turismo giapponese arrivata sul mercato per rivoluzionare in chiave sportiva il concetto di ibrido.

La Lexus LC 500h nasce con l'obiettivo di stupire, dal vivo ancor di più grazie al suo atipico design che cattura gli sguardi incuriositi dei passanti. Partendo dal look si può tranquillamente parlare di missione compiuta per lo Chief Engineer Koji Sato, che ha tradotto in prodotto di serie il concept LF-LC mostrato nel 2012 al Salone di Detroit, assecondando i desideri del numero uno del Gruppo Akio Toyoda. Bassa e allargata, dal profilo sinuoso che si alterna a linee scolpite ed un frontale imponente che punta verso il basso.

E' il risultato delle tante sfide progettuali affrontate dagli ingegneri per dotarla, anche esteticamente, di soluzioni inedite. La base è la piattaforma GA-L (Global Architecture – Luxury), che sarà utilizzata anche nelle future generazioni di modelli con motore anteriore e trazione posteriore. Le misure indicano una lunghezza di 477 cm, 192 di larghezza, alta 135. L'interasse è di ben 287 cm per un peso che supera di poco i 1800 Kg.

Ma la 500h non nasce per stupire solo chi la guarda, ma anche coloro che approcciano all'ibrido con la diffidenza tipica di chi concepisce l'auto come un mezzo meccanico capace di emozionare, ben sapendo che ben poche auto ibride sono in grado di farlo. Dopo averla guidata, possiamo dire tranquillamente che la Lexus 500h è in grado di stupire sia i passanti ma ancor di più chi la guida grazie al suo powertrain ibrido, accoppiato alla raffinata trasmissione Multi Stage Hybrid System.

Per quanto riguarda il motore si tratta di un V6 da 3.5 litri aspirato a doppio ciclo di funzionamento: Atkinson per consumare meno ed Otto per le alte prestazioni. L'abbinamento al propulsore elettrico sviluppa una potenza complessiva di 359 cavalli.

Lexus 500h: come si guida


Dietro al volante si avverte subito come la posizione di guida sia studiata per offrire la massima integrazione uomo-auto. Anche se non è il suo ambiente ideale la LC500h risulta semplice da guidare anche in città, dove si muove in assoluto silenzio e con la maneggevolezza fornita dal sistema delle ruote posteriori sterzanti di cui è dotata la versione Sport+.

L'effetto salotto non viene a mancare anche nei fondi sconnessi o sul pavè, dove inoltre si può sfruttare la maggiore morbidezza di sterzo, motore e sospensioni quando vengono selezionate le modalità di guida Eco e Comfort. La voce del propulsore ibrido sale decisamente di tono quando si schiaccia a fondo l'acceleratore, specialmente quando si utilizza la modalità sportiva, che ne amplifica il sound attraverso le casse.

Il discorso cambia quando si schiaccia con l'acceleratore, con il suono del motore che, parzialmente filtrato dalle casse, si fa particolarmente grosso passando dalla modalità di guida Eco a Sport+. Utilizzando i paddle in modalità manuale bisogna fare l'abitudine a gestire i dieci rapporti messi a disposizione dal Multi Stage System, ignorando l'istintiva tendenza che nelle fasi iniziali suggerisce di cambiare continuamente rapporto.

L'indole di questa coupè ibrida non è comunque estrema, ma tipica da Gran Turismo. Nei cambi di direzione più rapidi si fa sentire il peso che sfiora le 2 tonnellate in ordine di marcia, ma senza compromettere tenuta e stabilità, sempre di ottimo livello. In condizioni di bassa aderenza si percepisce in maniera evidente l'ottimo bilanciamento tra avantreno e retrotreno, che rende la 500h molto equilibrata e prevedibile nelle reazioni.

Buona la consistenza dello sterzo, per una precisione in traiettoria a cui contribuiscono il telaio, differrenziale autobloccante, il sistema di controllo elettronico degli ammortizzatori attivi e l'aerodinamica adattiva. I consumi registrati dalla Lexus 500h sono pari a 10 km/l in ambiente urbano e 16 Km/l in autostrada. Il prezzo di partenza è di 105.500 euro.

  • shares
  • +1
  • Mail