Il dopo tsunami della barriera corallina

Barriera corallina dopo il passaggio dello tsunamiLeggo con amarezza che le barriere coralline dell'Oceano Indiano potrebbero diventare vittime del dopo tsunami.

Lo si legge nel nuovo rapporto "Status of Coral Reefs in Tsunami-Affected Countries: 2005" che è il più comprensivo rapporto sulle conseguenze ecologiche e socioeconomiche causate dallo tzunami del 24 dicembre 2004, attuato dal Global Coral Reef Monitoring Network (GCRMN) e dalla IUCN.

Pare infatti che l'onda anomala abbia fatto meno danni di quelli che vengono causati dalla pressione antropica e che si stanno facendo ora, per prelevare materiale da costruzione con cui riedificare le abitazioni spazzate via dal mare. Vicino alla barriera ci sono rocce a portata di mano (altrimenti le si dovrebbe far arrivare dalle montagne) e la gente sta cominciando ad usarle.

Inoltre su Argonavis leggo che "molte delle barche, motori e equipaggiamenti da pesca, inviati per sostituire le strutture distrutte, usano una tecnologia diversa dalla precedente e determinano un aumento dello sforzo di pesca e un aumento del rischio di sovrapesca e di declino degli stock ittici."

Insomma, gli aiuti si stanno dimostrando nocivi e insostenibili.

via | Argonavis

  • shares
  • Mail