Flame virus per la guerra 2.0 contro il nucleare dell'Iran

Flame è un virus e un progetto complesso nato non nella testa di un hacker isolato, ma frutto del preciso obiettivo di rallentare l'espansione delle centrali nucleari dell'Iran. Signori benvenuti nella guerra 2.0 dove il virus Flame è stato sviluppato congiuntamente da Israele e Stati Uniti per sostenere attacchi mirati contro l'espansione del programma nucleare voluto da Ahmadinejad. Almeno così scrive il Washington Post.

Appena tre settimane fa il New York Times ha rivelato il concepimento di StuxNet, ideato già nel 2006 sotto G.Bush figlio. Flame e StuxNet si comportano come fratello e sorella e Flame ha un ruolo diverso ovvero traccia e sorveglia le reti informatiche iraniane come parte di una operazione di sabotaggio di più ampio respiro. Il controspionaggio è affidato alla NSA che ha sviluppato con gli israeliani il virus; la CIA ha provveduto a far penetrare il virus nelle reti israeliane che spesso per sicurezza non sono connesse a internet. La scoperta di flame sembra sia stata casuale e come nel caso di Stuxnet non si conosce chi e come lo ha individuato. Fatto sta che l'11 giugno scorso un esperto della società russa di antivirus, la Kaspersky, ha dichiarato:

Siamo sicuri ora al 100% che StuxNet e Flame hanno lavorato assieme.

Il WP però va ben oltre e fa il seguente ragionamento: se abbiamo scoperto nel 2012 virus sviluppati 5 anni prima ciò significa che gli Stati Uniti:

hanno continuato a sviluppare nuove armi.


Cita poi le parole di un ex responsabile dei servizi segreti americani:


Si prepara il campo di battaglia per altre azioni segrete. La raccolta di informazioni sul programma iraniano è molto più avanti di quel che vene reso noto.


Via | Rue89
Foto | Rue89

  • shares
  • Mail