Animali esotici allo sbaraglio, una tartaruga alligatore nelle campagne milanesi

Cosa ci fa una tartaruga alligatore (Macroclemys temminckii) a spasso nelle campagne milanesi? L'ha scoperta un agricoltore, non con poco stupore, domenica scorsa nelle risaie tra Milano e Binasco. Il commercio, l'importazione e la detenzione di questa specie esotica, tipica delle paludi della Florida, è vietato in Italia, anche perché si tratta di una specie pericolosa.

La sua mole massiccia, può arrivare a pesare fino a 100 chili, i suoi attacchi fulminei ed il rostro particolarmente tagliente, rendono questa tartaruga una specie molto temuta tra chi si aggira per paludi e aree acquitrinose nelle campagne della Florida.

La tartaruga alligatore, come la tartaruga azzannatrice, fa parte della famiglia delle Chelydridae. L'animale può aggredire e ferire i cani e l'uomo. Episodi simili si verificano spesso in Florida proprio ai danni dei cani che curiosano vicino alle acque paludose.

La detenzione e l'importazione non solo sono una minaccia contro l'incolumità di persone e animali, ma rappresentano anche un reato ai danni della biodiversità, come tutte le importazioni di specie esotiche d'altronde. L'importazione, la detenzione e l'abbandono di una tartaruga alligatore viene punito con ammende fino a centomila euro.

Ma non basta evidentemente a scoraggiare il traffico illegale. Oggi le tartarughe alligatore, prima circoscritte alla Florida, si trovano un po' in tutto il mondo. L'esemplare di tartaruga alligatore ritrovato a Binasco ieri è un esempio lampante di come vengano aggirati i pur numerosi controlli sull'ingresso di specie esotiche in Italia. Oltre, ovviamente, a rappresentare bene l'idiozia di chi importa specie esotiche pericolose per poi abbandonarle non appena si stanca del giocattolo nel primo canale utile, con gravi rischi per le persone, i cani e l'animale stesso. Ora la tartaruga si trova nel pronto soccorso per animali esotici gestito dal veterinario Luca Re a Milano.

Via | Milano Today
Foto | Wikimedia Commons

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: