Moria delle api, prorogato di 7 mesi il divieto pesticidi

Prorogato di altri sette mesi, ossia fino a gennaio 2013 il divieto di usare pesticidi per la concia del mais e ciò come principio di precauzione nella protezione delle api. Lo ha reso noto un comunicato del Ministero della Salute e il ministro Balduzzi che così commentato:

su una tematica così delicata è opportuno assumere decisioni armonizzate a livello comunitario e ispirate alla massima attenzione e cautela per tutelare l’importante patrimonio apistico e la rilevante coltura del mais. E’ bene che prevalga il principio di precauzione e mantenere il provvedimento di sospensione in attesa delle valutazioni conclusive dell’EFSA.

L'approvazione arriva dal Ministero della Salute che accoglie la decisione della Commissione Consultiva dei Prodotti Fitosanitari che si è espressa per la sospensione temporanea di pesticidi a base di neonicotinoidi. In Francia sono stati proprio vietati senza troppi complimenti da Foll neo ministro dell'Agricoltura del governo Hollande.

A convincere i francesi che i neonicotinoidi sono killer per le api due studi indipendenti e pubblicati da Science. Il primo è stato realizzato dai francesi Mickaël Henry dell'INRA e Axel Decourtye di ACTA; il secondo da Dave Goulson e Penelope Whitehorn, dell'Università di Stirling e i risultati a cui sono giunti i due team di ricercatori sono i medesimi: i neonicotinoidi ammazzano le api. Ma questa conclusione è stata ricusata da Syngenta, che ha espresso un suo parere in difesa del prodotto che contiene neonicotinoidi.

Detto ciò l'Italia ha deciso di rimettere tutto nelle mani dell'Europa (EFSA e progetto APENET per intenderci) e ecco giungere questa proroga settimina che però non convince fino in fondo gli apicoltori. Commenta così Francesco Panella presidente UNAAPI:

E' però ora di saper assumere una decisione definitiva. Ciò che si evidenzia senza ombra di dubbio in questa vicenda sono l'imprudenza, l'irresponsabilità e l'incapacità delle autorità sia comunitarie e sia nazionali nel loro ruolo di difesa dell'ambiente e del bene comune

Foto | UNAAPI

  • shares
  • Mail