CEI, 11° comandamento: denuncia chi inquina e green economy per i giovani

La CEI, Conferenza Episcopale italiana pubblica il Messaggio per la VII Giornata per la salvaguardia del creato che cade il 1° settembre. Ebbene nero su bianco i Vescovi scrivono che vanno denunciati coloro che inquinano (lo stralcio lo trovate nel documento allegato da scaricare):

Annunciare la verità sull’uomo e sul creato e denunciare le gravi forme di abuso si accompagna alla messa in atto di scelte e gesti quali stili di vita intessuti di sobrietà e condivisione, un’informazione corretta e approfondita, l’educazione al gusto del bello, l’impegno nella raccolta differenziata dei rifiuti, contro gli incendi devastatori e nell’apprendistato della custodia del creato, anche come occasioni di nuova occupazione giovanile.

Non solo ma viene fatto proprio un esempio pratico a proposito del processo tenuto a Torino sull'inquinamento da Eternit nel Monferrato:

Proprio in questi mesi è venuta all’attenzione dei media la questione dell’eternit a Casale Monferrato, con i gravi impatti sulla salute di tanti uomini e donne, che continueranno a manifestarsi ancora per parecchi anni. Un caso emblematico, che evidenzia lo stretto rapporto che intercorre tra lavoro, qualità ambientale e salute degli esseri umani. L’attenzione vigilante per tale drammatica situazione e per i suoi sviluppi deve accompagnarsi alla chiara percezione che l’amianto è solo uno dei fattori inquinanti presenti sul territorio. Vi sono anzi aree nelle quali purtroppo la gestione dei rifiuti e delle sostanze nocive sembra avvenire nel più totale spregio della legalità, avvelenando la terra, l’aria e le falde acquifere e ponendo una grave ipoteca sulla vita di chi oggi vi abita e delle future generazioni.

La Chiesa dunque amplia la sua visione e ammette che bisogna essere responsabili verso le risorse e che l'inquinamento dell'ambiente è un reato e come tale va punito. Anzi invita proprio a vigilare:

Vivere il territorio come un bene comune è un’esigenza di vasta portata, che richiama anche le comunità ecclesiali a una presenza vigilante.


E ricorda il riconoscimento laico voluto lo scorso anno per la prima volta di una Giornata nazionale in memoria delle vittime dei disastri ambientali e industriali causati dall'incuria dell'uomo che cade il 9 ottobre.

Foto | TM News

  • shares
  • Mail