Giardini meglio dei condizionatori

effetto termico di un cortile con pianteUno studio dell'Istituto di Biometeorologia (Ibimet) del Cnr di Firenze ha evidenziato che macchie di aree verdi presenti all'interno di piccole strutture architettoniche, come i cortili, possono creare delle "isole felici" dal punto di vista termico, a tutto vantaggio delle abitazioni circostanti e di chi ci vive.

I ricercatori dell'Ibimet hanno collocato dei sensori all'interno di parchi, giardini e cortili dislocati nel centro storico di Firenze. I risultati più interessanti riguardano i periodi estivi, in particolare quelli relativi all'estate del 2003, che fu caratterizzata da un'ondata di calore eccezionale.

La ricercatrice Laura Bacci racconta: "Le misure hanno confermato che le aree vegetate hanno un effetto di raffreddamento che aumenta, più o meno linearmente, con la loro dimensione, infatti, i parchi mostravano una temperatura mediamente più bassa di 2°C rispetto al piazzale non ombreggiato. Tuttavia, durante le ore del giorno, temperature fino a 5-6°C più basse sono state riscontrate anche nei cortili, rendendo possibile agli abitanti di godere di un pò di fresco "naturale", senza utilizzare condizionatori, o diminuendone la portata energetica."

Durante l'inverno, i parchi urbani sono più freddi delle zone asfaltate, ma i cortili difendono la loro fama di dispensatori di benessere.

In soldoni, potrebbe essere conveniente mettere delle piante nel cortile, invece di spendere soldi per condizionare l'aria d'estate.

Via | HelpConsumatori

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: