Le energie pulite del futuro

fonti di energia mondiale dal rapporto dell'IEA

Le energie pulite sono uno scenario economicamente conveniente. A dirlo è il rapporto mondiale sull'energia (World Energy Outlook) presentato a Londra dall'IEA (International Energy Agency).
Per ogni euro investito per rendere più efficienti gli impianti elettrici, se ne risparmiano 2 in produzione e trasporto dell'energia.

Quello che vedete in figura è lo scenario di riferimento della richiesta di energia mondiale, con la proiezione ai prossimi 25 anni basata sulle tendenze attuali. Come potete vedere, nei prossimi anni continueremo a bere petrolio, a respirare gas e a mangiare carbone. (Non vedo traccia del picco del petrolio, ma di questo vi parlerò un'altra volta).

Claude Mandil, direttore dell'IEA, sostiene che per liberarci della schiavitù dei combustibili fossili ed evitare di immettere nell'atmosfera polveri dannose per il clima e la salute, non ci resta che il nucleare (ormai da quasi tutti considerato pulito), da integrare con piccole percentuali di energie rinnovabili. Le biomasse (compresi i rifiuti) faranno il grosso del lavoro, seguiti dall'idroelettrico. Il fotovoltaico, se tutto andrà bene, arriverà a coprire il 2,5 % del fabbisogno elettrico nel 2020, per arrivare al 16% nel 2040.

» International Energy Outlook 2006

» energy is cost effective on BBC

» AAA... cercasi imprenditore disposto a investire nel nucleare

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: