Petizione inceneritori

inceneritore di rifiutiUn sacco di lettori (Roberto, Ale e Giovanni) ci hanno segnalato la petizione di Beppe Grillo per far togliere dalla bolletta i finanziamenti agli inceneritori.

Concordo con Beppe quando scrive che "Va ricordato al dipendente Prodi che il suo commissario all’Energia Loyola De Palacio affermò il 20.11.2003 che la frazione non biodegradabile dei rifiuti non può essere considerata fonte di energia rinnovabile."

A questo punto vorrei ricordare che il dipendente Pecoraro Scanio (che e' in una ottima posizione per farsi sentire) dal suo sito dichiarava: “I termovalorizzatori o gli inceneritori non solo la soluzione al problema rifiuti. La filosofia del governo di centrosinistra e' quella di adottare le tecnologie più avanzate a disposizione, che non prevedano il ricorso alla combustione'. Lo ha detto a Viterbo il ministro dell'Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio. 'Chi sostiene che sia possibile produrre energia con i rifiuti - ha aggiunto - dice una stupidaggine, perché il costo dell'incenerimento supera notevolmente il valore dell'energia ottenuta. Sarebbe un'operazione a perdere - ha spiegato - sia dal punto di vista economico che ambientale".

Sabato la gente dei MeetUp di Beppe era nelle piazze per raccogliere firma contro il finanziamento agli inceneritori (chissà se si sono incontrati con quelli del wwf di GenerazioneClima, che pubblicizzavano il risparmio energetico domestico!)

Bruciare rifiuti ci costa (non solo in bolletta, ma anche per le sanzioni europee!!) e inquina (e' la forma di produzione di energia che emette più CO2 in assoluto). Nonostante questo avremo presto 51 termovalorizzatori nuovi, chi ci guadagna dice che termovalorizzare e' inevitabile.

L'unica soluzione e' NON produrre rifiuti riducendo gli imballaggi, riusandoli, riciclandoli, riparandoli invece di buttarli via.

  • shares
  • +1
  • Mail
58 commenti Aggiorna
Ordina: