Riciclare cose sporche

come buttar via la spazzatura

Un lettore (Pasqualino) ci scrive per raccontarci le usanze riciclatorie dei suoi amici e conoscenti.

"A proposito di rifiuti e riciclo colgo l'occasione per far notare un'abitudine che riscontro nella maggior parte della gente che conosco. Ebbene succede questo: le persone sono convinte e sottolineo convinte, che si debbano riciclare solo gli elementi "puliti", cioè gettano nel bidone del generico: fazzoletti usati, alluminio con residui di cibo e persino il vetro con residui di olii! il fatto è che ho notato questo comportamento in varie persone non conoscenti fra loro e di diversa età (anche giovani)! non so se sia capitato solo a me, ma siccome è successo nell'80% dei casi che conosco e penso quindi sia abbastanza diffuso, bisognerebbe pensare a una campagna informativa. ciao."

Effettivamente sulle istruzioni per la raccolta differenziata di alcuni comuni è scritto di mettere nella carta solo la carta pulita, e non ad esempio quella unta d'olio. Per i contenitori (plastica, vetro e lattine) consigliano di pulirle, per non attirare animali nei punti di raccolta.

Insomma, la risposta corretta al "non riciclare cose sporche" è quella di pulire le cose (basta una sciacquatina, mica serve sterilizzare!) in modo che non puzzino e non trasformino la raccolta differenziata in un porcaio indifferenziato. Dopotutto non so quanti di voi buttino i sacchetti ogni giorno e quindi, tenersi in casa o sul balcone roba che puzza, non mi sembra una tattica vincente.

  • shares
  • +1
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: