Catasftofi ambientali culla della civiltà

agricoltura in Egitto, forse frutto di cambiamenti climaticiUn ricercatore del Tyndall Center for Climate Change Research sostiene che la civilizzazione sia stata stimolata da cambiamenti climatici. La sua tesi è che le popolazioni nomadi siano divenute stanziali in seguito alla diminuzione delle disponilità idriche.

Il passaggio da una vita nomade, in cui si raccoglievano i frutti che la Natura spontaneamente offriva, a quella stabile, in cui la terra viene coltivata con fatica, spontaneamente non sarebbe avvenuto.

Non si sarebbero fondate le città, non sarebbero sorte economie agricole, non ci sarebbe stato bisogno di opere di canalizzazione o di strade tra una città e l'altra. Secondo Nick Brooks, la stanzialità e l'agricoltura sono state un peggioramento della qualità della vita imposto dalle mutate condizioni climatiche.

Si calcola che i popoli che ancora vivono di caccia e raccolta destinino alla raccolta del cibo circa il 30% del loro tempo. Hanno un sacco di tempo libero, ma veramente tanto tempo libero, da destinare alla socialità. Sono davvero curiosa di vedere che risposta darà la nostra "civiltà" ai problemi che ci aspettano.

via | Geo

  • shares
  • +1
  • Mail