Il conto all'osteria L'è Maiala di Firenze si paga con il baratto

In Fiorentino L'è Maiala vuol dire: è dura. E effettivamente l'espressione ben si presta all'attuale momento di crisi e dunque ecco che diviene insegna di una osteria nel centro di Firenze che aprirà i battenti a fine mese. E nel rispetto del concetto che "è dura" allora anche il conto si paga ma con il baratto.

Il menù sarà tipico toscano e prima di sedersi ai pochi ma selezionatissimi tavoli si dovrà mercanteggiare con i proprietari l'offerta e la merce in baratto. Cosa si può dare in cambio? Ovviamente generi alimentari: frutta, verdura e ortaggi ma anche pezzi di artigianato, antiquariato e modernariato.

L'idea è di Stranomondo agenzia veneti fiorentina che spiega così questa iniziativa:

La fase più divertente da vivere a tavola con noi sarà proprio quella di assistere a veri e propri momenti di “mercanteggio” pre e post-pasto, come avveniva un tempo nelle vecchie botteghe fiorentine. Inoltre come sapete amiamo i contrasti e per questo l’ambiente sarà originale, CHIChettoso e chiacchierone, così come è il nostro DNA.

In aggiunta a tutta questa offerta anche il menù della domenica e il servizio Take away/rosticceria/girarrosto per pasti veloci , economici da portare via.

Il baratto è certamente la più antica pratica commerciale esistente andata per molte culture in disuso e resistente in determinate nicchie. In Italia abbiamo un paio di grandi manifestazioni dedicate proprio al baratto che hanno anche un discreto successo: La settimana del baratto in B&B e Bidonville la Fiera del baratto e dell'Usato a Napoli e le famose Swap Boutique dove le signore dismettono i loro capi firmati.

Via | Nove Firenze
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail