Incendiata una colonia di aironi

Brucia il canneto nel Parco del MincioNidi, uova, pulcini e canneto sono stati divorati dalle fiamme, appiccate appositamente alla garzaia del lago Superiore, nel Parco del Mincio, in provincia di Mantova. Il 90% della garzaia è finito in cenere.

I piromani hanno innescato l'incendio da diversi punti del canneto, muovendosi con delle barche. La garzaia non era accessibile da terra: ci sono andati apposta.

Gli aironi cinerini (Ardea cinerea) erano in cova e i primi pulcini erano già usciti dalle uova. Gli aironi avevano scelto quella zona del lago, perché protetta dai cavi dell'alta tensione, che impedivano gli attacchi dall'alto dei rapaci.

L'Airone cinerino si nutre di pesci, rane, girini, bisce d'acqua e invertebrati, in minor misura anche di piccoli mammiferi. Viene considerato (a torto) un concorrente dei pescatori, che nella loro ignoranza pensano di incrementare il pescato eliminando un predatore. Vari studi hanno pero dimostrato che gli equilibri naturali hanno bisogno dei predatori per mantenere in buona salute le popolazioni delle prede, che altrimenti diminuirebbero in taglia media e si ammalerebbero con maggiore facilità.

Il Parco del Mincio ha deciso di reagire invitando la gente e le autorità locali ad andare a vedere di persona che cosa resta della garzaia dopo l'incendio. Il Parco ha deciso di combattere l'ignoranza alla base di questo gesto diffondendo tra la gente la conoscenza della Natura.

Via | Parco del Mincio

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO