Sono Halal 3000 prodotti del Made in Italy

Dall'agroalimentare, ai cosmetici e finanche al turismo: in Italia sono già stati certificati da Halal Italy oltre 3000 prodotti come Halal ovvero leciti per chi è di fede musulmana. Era il 2010 quando l'ex ministro all'Agricoltura Galan annunciava gli accordi per la certificazione di alimenti Made in Italy come tortellini e lasagne secondo i precetti Halal.

La certificazione Halal è tipica della cultura musulmana e serve ai fedeli a indicare che quanto vanno a consumare è puro e privo di sostanze Haram ossia proibite. Molte polemiche si sono sollevate a proposito della macellazione Halal per cui noi di Ecoblog però avevamo espresso alcune riserve.

Halal non certifica però solo la macellazione ma anche olio, formaggi o succhi di frutta ad esempio e per i musulmani che vivono in Italia e per chi all'estero invece apprezza i prodotti del Made in Italy diventa fondamentale sapere se quanto vanno acquistando è lecito o meno. Il mercato dell'export vale circa 7 miliardi di euro l'anno. Interessante anche il mercato interno che si attesta intorno ai 5 miliardi l'anno.

Il che per molte aziende dell'agroalimentare italiano significa: ossigeno. Infatti proprio lo scorso aprile CIA Puglia e Halal Italy hanno firmato un protocollo d'intesa per la certificazione di prodotti pugliesi destinati all'esportazione. In fondo l'Italia è immersa nel Bacino del Mediterraneo e circondata da Paesi di cultura e religione musulmana, non tener conto delle loro necessità è quanto meno anacronistico.

Spiega Antonio Barile presidente CIA Puglia rispetto al progetto di certificazione di strutture turistiche come gli agriturismo:

Non è da sottovalutare la richiesta di musulmani che vorrebbero visitare la Puglia per turismo o per affari, e soggiornare presso le nostre aziende agrituristiche. Quest’ultima la riteniamo una chance interessante e da non perdere, soprattutto in un periodo economico così delicato.

>> La lista delle aziende del Made in Italy certificate Halal Italy.

Via | Stranieri in Italia, Go Fasano

  • shares
  • Mail