Pannelli solari ad alghe

Pannello solare ad alghe

Alcuni studenti del famoso MIT (Massachusetts Institute of Technology) di Boston facenti parte del gruppo BEInG (Biological Energy INterest Group) si stanno occupando di “energia biologica”: si tratta di sfruttare il metabolismo degli organismi viventi per produrre energia.

Hanno inserito un'alga verde in tubi fatti di PVC trasparente - detti fotobioreattori - montati in parallelo su unico supporto (nella foto). I fotobioreattori sono collegati - all'estremità inferiore - ad un sistema di pompaggio che permette la circolazione d'aria al loro interno, mentre alla loro estremità superiore avviene la raccolta dell'energia prodotta, in questo caso sotto forma di idrogeno (si veda il grafico). Le alghe usano infatti l'energia solare per compiere la fotosintesi e ciò permette ad un particolare enzima in esse contenuto (hydrogenase) di produrre idrogeno.

foto del pannello solare con tubi pieni di algheL'efficienza di conversione energetica del prototipo di pannello ad alghe verdi costruito dal gruppo BEInG, è inferiore rispetto a quella di un normale pannello fotovoltaico, ma John Craven, un membro del gruppo, è certo che l'ingegneria genetica riuscirà a rendere la fotosintesi un valido sistema di produzione dell'energia. In particolare i ricercatori dovranno individuare:


  1. un modo per aumentare l'efficienza degli enzimi idrogenici, alcuni dei quali vengono inibiti dall'ossigeno prodotto durante la fotosintesi;

  2. gli organismi maggiormente portati a produrre idrogeno;

  3. quali enzimi modificare e in che modo;

  4. come creare in laboratorio un organismo ideale per la produzione di idrogeno combinando enzimi e metabolismi diversi.

Insomma, si tratta di una ricerca agli inizi e Craven sembra fiero del fatto che, per ora, il suo è l'unico gruppo al mondo a sperimentare questo tipo di pannelli solari. Certamente è troppo presto per dire se questo tipo di ricerca sfocerà in applicazioni concrete. Se però l'era dell'idrogeno è davvero alle porte, ben vengano le ricerche su come produrlo ad impatto zero.
I vantaggi dell'energia biologica sono molteplici: si può ipotizzare che la vita di un pannello “batterico” sia praticamente infinita (ma abbisognerà di manutenzione?) e che il suo impatto ambientale sia molto basso (sia nella fase produttiva che in quella di smaltimento). Lo svantaggio di questo tipo di ricerche, invece, è comune a tutta le biotecnologie: fino a che punto è opportuno e sicuro manipolare la natura?

[Matteo Razzanelli]

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: