Scioglimento dei ghiacciai, crostacei alla ricerca di Nemo in Artico

scioglimento ghiaccia gamberetti

Lo scioglimento dei ghiacciai stravolge e mette in pericolo l'esistenza della fauna artica, in special modo le specie che trovavano riparo e sostentamento sotto il manto ghiacciato e che ora si trovano a fronteggiare estati sempre più lunghe e calde. È il caso di alcuni crostacei anfipodi costretti a spostarsi per raggiungere distese di ghiaccio ancora intatte. Un recente studio, condotto dai ricercatori del College of Earth, Ocean, and Environment della University of Delaware, ha analizzato il meccanismo di adattamento al riscaldamento globale dell'Apherusa glacialis, crostaceo artico simile ad un gamberetto che generalmente spendeva tutta la sua esistenza sotto il ghiaccio.

Ebbene, oggi invece è costretto a migrare per cercare acque più gelide quando il ghiaccio a Sud scompare. Per farlo si lascia trasportare da correnti oceaniche profonde, ecco perché i ricercatori avanzano, per questa strategia, la Nemo hypothesis: anche il padre del pesce Nemo, smarritosi, va infatti alla ricerca del figlio lasciandosi condurre dalle correnti, un mezzo di orientamento e trasporto nelle profondità oceaniche.

I crostacei artici abbandonano le acque ormai senza ghiaccio e sfruttano il ramo più settentrionale della Corrente del Golfo per tornare nel Mar Glaciale Artico. Secondo i ricercatori gli spostamenti di animali solitamente stabili verso il Polo Nord, quando il ghiaccio in estate si riduce ai minimi storici, è il segnale della lotta per la sopravvivenza della fauna artica a seguito dei cambiamenti climatici in atto e dal punto di vista evolutivo richiama le abitudini migratorie degli animali in periodi geologici climaticamente simili, quando l'Artico mancava completamente di ghiacci in estate.

Anche oggi i ghiacciai nelle aree dell'Artico meridionale si riducono fino all'80% nei mesi estivi, mettendo a rischio diverse specie. L'Apherusa glacialis si sta adattando in maniera sorprendente. Questi risultati, spiega Jørgen Berge, una delle firme dello studio, ci aiutano a capire cosa avverrà nei prossimi anni quando, secondo le previsioni, i ghiacciai marini perenni scompariranno. E cosa succederà quando i crostacei non troveranno più ghiaccio nemmeno nell'estremo Nord? La ricerca di Nemo potrebbe concludersi senza l'happy-end a cui ci ha abituato la Disney. Trovate lo studio completo sulla rivista Biology Letters.

Foto | Courtesy of Geir Johnsen

  • shares
  • Mail