RomaSiMuove, in 10mila a Roma per la raccolta firme

Scritto da: -

Si è tenuta ieri la manifestazione organizzata dal comitato RomaSiMuove, promotore di otto referendum per la città di Roma, con il chiaro scopo di esercitare pressione popolare sulla prossima amministrazione affinché Roma intraprenda un percorso che miri a risolverne alcune drammatiche problematiche.

Oltre 10mila persone si sono ritrovate in piazza Farnese per sostenere con forza la raccolta firme, che entro 20 giorni dovrà raggiungere quota 50mila per portare i cittadini di Roma a votare gli otto quesiti; in questi, come già spiegato in settimana, c’è molta attenzione all’ambiente.

Come spiegato da uno dei promotori, il presidente dei Verdi Angelo Bonelli, il referendum vorrebbe imporre alla nuova giunta un piano regolatore a consumo di suolo zero, bloccando la speculazione edilizia che negli ultimi 40 anni ha cementificato l’agro romano (il famoso sacco di Roma):

Roma potrebbe essere la prima capitale europea a consumo suolo zero; ci sono 150mila case sfitte eppure si continua a costruire: è nostro dovere morale poter dire che abbiamo fatto tutto il possibile per avere spazi verdi in futuro.

Altro esempio di come l’attenzione all’ambiente sia centrale per il comitato RomaSiMuove, è il quesito che vorrebbe “restituire il mare ai romani“; come ha spiegato Bonelli:

il mare di Roma è stato privatizzato, non esiste più un lungomare ma un lungomuro di cemento, obbrobrio senza paragoni in Europa. Le spiagge devono essere accessibili a tutti, non un lusso

Anche sui rifiuti, il comitato RomaSiMuove chiede che l’amministrazione comunale si adoperi per avviare un serio piano di raccolta differenziata: come spiegato dal segretario dei Radicali Mario Staderini, anch’egli tra i promotori del referendum e organizzatore della manifestazione di ieri, il problema dei rifiuti a Roma è ormai al collasso:

senza un piano di raccolta differenziata Roma non sarà mai una città civile. Bisogna fare uno sforzo in questa direzione, come già è stato fatto, e viene fatto, da numerose realtà non solo in Europa ma anche in Italia

C’è anche l’annosa questione dell’inquinamento atmosferico, il traffico a Roma è ormai diventato una follia generalizzata:

abbiamo bisogno di scelte: bisogna potenziare il trasporto pubblico, fino ad oggi l’unico interesse è stato quello di spendere soldi pubblici: 6 miliardi per la metropolitana, a Roma, è una cifra folle

ha continuato Staderini.

Mancano solo altri 20 giorni al termine ultimo per raccogliere le firme, la sensazione di tutti gli ospiti (da Serena Dandini a Alessandro Mannarino a Emma Bonino) è che Roma giungerà al traguardo, ed è anche ciò che pensa il sottoscritto: l’entusiasmo che si respirava ieri sera era, innegabilmente, 10mila volte grande.

Via | RomaSiMuove
Foto | RomaSiMuove

Vota l'articolo:
3.72 su 5.00 basato su 29 voti.