Vinitaly assaggia il biologico

vini bio a Verona - Foto Sh0dan'sLa conversione al biologico di una azienda, oltre che un vantaggio per l'ambiente, può essere un vero guadagno. Al vinitaly si dice che i consumatori abbiano cominciato a prendere in considerazione gli aspetti etici del vino, oltre a quelli organolettici, e che le aziende virtuose, che trattano bene sia le viti che i dipendenti, riescano a vendere bene.

Esemplare l'esperienza di Giacomo Rallo, siciliano che imbottiglia con il marchio Donnafugata: "Nella mia azienda siamo passati da una produzione di 200 quintali per ettaro a 75 quintali, facendo impennare la qualità e di conseguenza conquistando sul mercato soglie di prezzo elevate, mentre abbiamo abbattuto le spese per gli antiparassitari. Non ci vuole una formula magica per guadagnare di più, spendere di meno e garantire i consumatori."

Oggi alle 15 si parlerà delle prospettive del vino bio al convegno organizzato dall'AIAB (Associazione Italiana Agricoltura Biologica) e ARSIA (Agenzia regionale Toscana per lo Sviluppo e l'Innovazione nel settore Agricolo-forestale)

» Il gran business del vino “verde” su LaStampa
» Vini toscani “bio” e autoctoni: i top 12 in degustazione al Vinitaly
» Vinitaly, un convegno sul vino biologico su Greenplanet

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: