Auto elettriche in Val Gardena per l'ecomobilità sui passi dolomitici

Auto elettriche in Val Gardena

Sensibilizzare la Val Gardena alla mobilità ecosostenibile: questo l'obiettivo del Trofeo EcoDolomites che si è tenuto ieri, giunto alla terza edizione e aperto a tutti i veicoli elettrici a due o quattro ruote. La gara non è stata basata sulla velocità, bensì sui consumi e dunque hanno vinto quei mezzi che sono riusciti a arrivare al traguardo con molta energia incamerata nelle batterie grazie anche alle abilità dei conducenti.

Il terzo viaggio ecologico sui 4 passi delle Dolomiti (Sella, Pordoi, Campolongo e Gardena) voluto dai consorzi turistici Val Gardena e Alta Badia, organizzato da LetsMove e patrocinato dalla Provincia autonoma di Bolzano e Unesco, ha visto ieri la partecipazione di circa 25 autovetture elettriche/ibride incluse tre alimentate a idrogeno, tre scooter, tre mini autobus elettrici e la presenza della Fisker Karma, l'auto che con le Tesla ha suscitato più interesse.

Proprio ieri si chiudeva la Settimana europea della Mobilità sostenibile ma la sovrapposizione dei due eventi è stata più casuale che voluta tant'è che oggi si apre il Sellarondabike Day dove è prevista la chiusura al traffico dei 4 passi dalle 8,30 fino alle 15,30 per lasciare libero spazio alle biciclette che copriranno i 56Km di percorso tra le Dolomiti.

Prima della gara delle vetture elettriche si è tenuto un meeting di presentazione a cui hanno preso parte con gli organizzatori anche le autorità locali e Gianfranco Pizzuto che ha presentato il case history della Fisker Karma, l'auto che per la sua estetica ha destato probabilmente il maggiore interesse nel pubblico.

Per Peter Mussner sindaco di Selva Gardena del Südtiroler Volkspartei è necessario alimentare il senso di responsabilità delle persone, puntando sulla sensibilizzazione verso l'uso delle auto elettriche e della mobilità sostenibile in genere ma senza entrare nel merito di imposizioni poiché mi spiega:

La libertà individuale è importante e qui non abbiamo problemi di inquinamento tali per cui intervenire con la chiusura delle strade al traffico.

Il che però fa si che lungo il giro dei 4 passi sono riuscita a contare 4 Ferrari, una Maserati, una Porche e un numero indefinito di moto di grossa cilindrata, più tantissime vetture a diesel.

Altro capitolo affrontato nel meeting ha riguardato le auto a idrogeno. Alla gara ne erano presenti tre che avevano fatto il pieno a Monaco, hanno autonomia per circa 500 km e erano state trasportate su Tir. Oggi sarebbero ripartire per Parigi per partecipare al Salone dell'Auto, sempre trasportate poiché al momento non è possibile alimentarle lungo il percorso per un viaggio in autonomia. Il relatore presenta il progetto della Provincia autonoma di Bolzano che riguarda l'autostrada Monaco- Modena dove lungo i 600Km saranno installati distributori di idrogeno con il gas prodotto nell'impianto di Bolzano Sud grazie all'uso delle 'energia idroelettrica e dunque nel rispetto del ciclo virtuoso di una fonte rinnovabile. L'idea è mutuata dall' autostrada norvegeseHynor con la massiccia presenza di distributori di idrogeno.

E' seguita poi la relazione di Gianfranco Pizzuto in merito alla Fisker e alla Karma che ha presentato per la gara (che peraltro ha vinto nella categoria ibride) la storia della sua personale scommessa. Dunque Pizzuto è nato a Merano e ha commerciato in macchine movimento terra quando a un certo punto incrocia casualmente il progetto Karma e decide di presentarsi in Califorinia come imprenditore interessato all'investimento.

La storia della Karma è questa: di fronte l'ufficio di Henry Fisker, il designer e ideatore della vettura con un passato in BMW, c'era la Quantun technologies che lavorava su progetti per l'esercito americano, incluso un veicolo che fosse particolarmente silenzioso. Fu progettato dunque con un motore elettrico ma aveva un problema: non garantiva sufficiente autonomia e perciò pensarono di inserire all'interno un piccolo generatore a diesel per alimentare il motore elettrico. Questa tecnologia fu acquistata da Fisker e riadattata per la Karma che invece viene alimentata a benzina. L'offerta della casa californiana inizia a espandersi e sono arrivate la Surf con il portellone e la Atlantica e dal prezzo iniziale di circa 120mila euro di una Karma si arriverà ai 50mila euro dell'Atlantica. L'autonomia dell'elettrico è di circa 80 km.

Rispetto alla praticità nell'usare un'auto elettrica ho chiesto direttamente ai proprietari delle Tesla, tutti tedeschi e assolutamente soddisfatti delle loro auto. C'è chi mi ha raccontato di essere riuscito a battere il record personale di 400 Km con una ricarica completa e chi invece si è organizzato per la ricarica con un proprio impianto fotovoltaico casalingo. Trovano le Tesla eccezionali per prestazioni che valgono la spesa dei 100mila euro.

Infine, guidare un'auto elettrica non è esattamente come guidare un'auto termica e non solo perché non c'è la frizione. Queste auto si ricaricano in discesa e quando freniamo e dunque il controllo dello stato di ricarica delle batterie diventa una condizione necessaria nell'affrontare un viaggio più lungo e sopratutto è necessario organizzarsi con il percorso che si intende fare. Mi spiegava appunto uno dei proprietari della Tesla che per lui era diventato automatico sapere prima quanti chilometri avrebbe fatto, d'altronde né più né meno di quanto non facciano già ad esempio i proprietari di auto a metano o a GPL se hanno difficoltà a reperire in zona distributori.

Auto elettriche in Val Gardena
Auto elettriche in Val Gardena Tesla Tesla Roadster
Tesla


Tesla Auto elettriche in Val Gardena Auto elettriche in Val Gardena Auto elettriche in Val Gardena Auto elettriche in Val Gardena Auto elettriche in Val Gardena Auto elettriche in Val Gardena Auto elettriche in Val Gardena Auto elettriche in Val Gardena Auto elettriche in Val Gardena Auto elettriche in Val Gardena Auto elettriche in Val GardenaAuto elettriche in Val GardenaI trofei
Gianfranco Pizzuto  ritira il trofeo per la Frisk Karma

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: