Grattacieli agricoli in città

coltivare ortaggi in pieno centro citta'Un grattacielo per coltivare carote, mais, cipolle, pomodori e insalata biologici. L'idea di destinare un intero grattacielo alla produzione agricola, nel bel mezzo di una città, viene dalla Comunbia University. Il progetto si chiama Vertical Farm.
Progetti simili sono stati fatti da Gordon Graff a Toronto, in Canada, e dal parigino atelier SoA architectes. Le soluzioni architettoniche sono diverse, ma l'idea di fondo di coltivare piano su piano, in piena città, e' sempre la stessa.

La produzione sarebbe, come in serra, slegata dalle stagioni e dalle bizze del clima. (Sul fatto che in un ambiente chiuso si possano usare meno pesticidi che all'aperto, ho qualche dubbio).
Sarebbe richiesta meno energia per trasportare i vegetali, che crescerebbero vicinissimi ai mercati.


L'energia necessaria alla torre potrebbe essere prodotta con fonti rinnovabili (solare, eolico, biomasse) direttamente nella torre.
Gli scarti sarebbero riutilizzati, ad esempio quelli solidi potrebbero servire per produrre metano ed energia, mentre le acque potrebbero essere avviate ad un ciclo interno di potabilizzazione mediante evapotraspirazione (il vapore delle acque grigie e nere, viene raccolto e condensato).

Nelle pagine in cui si parla di grattacieli agricoli si citano i dati della FAO sui bisogni agricoli mondiali, presentando queste soluzioni come una soluzione al problema della fame nel mondo. Peccato che le migliaia di persone che muoiono o moriranno di fame non abbiano i soldi per costruire grattacieli.

coltivazioni ad alta tecnologia all'interno di un grattacielo

  • shares
  • +1
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: