Quando la discarica è oro

I Comuni che vogliono le discariche: Peccioli e Sogliano al Rubicone

Mentre in Campania ci sono sindaci che si fanno caricare dalla polizia pur di non far arrivare i rifiuti nella propria giurisdizione, altrove i rifiuti se li litigano.

In un mio recente post sulla situazione dei rifiuti in Campania, ho citato un'affermazione di Capezzone dove si sosteneva che - per uscire dall'emergenza - è necessario cominciare a parlare di compensazioni per i "fortunati" Comuni scelti per ospitare l'immondizia. Nei commenti, un lettore (Proust) chiedeva però quale tipo di compensazione potesse convincere i cittadini di un piccolo Comune ad accettare una discarica. Mi pare un'ottima domanda, meritevole di approfondimento. In Toscana e in Romagna ci sono due esempi di Comuni che non solo sono ben contenti di prendersi la spazzatura, ma che anzi tremano all'idea che un giorno la loro discarica possa essere piena.

Sto parlando di Peccioli (PI) e di Sogliano al Rubicone (FC), paesi in cui lo smaltimento dei rifiuti è diventato un business comunale che beneficia tutti i cittadini.

Nel 1988, Peccioli aveva un problema: ospitava una discarica che nessuno voleva per via degli odori sgradevoli e delle possibili conseguenze ambientali. Poi arriva il nuovo sindaco Renzo Macelloni, che trasforma il problema in un'opportunità. Macelloni decide di ampliare (!!) la discarica e la fa classificare come sverso regionale. Arrivano rifiuti da tutta la Toscana e Macelloni crea una società per azioni mista tra Comune e cittadini, chiamata "Belvedere". La società funziona come una public company: i cittadini comprano le azioni e si beccano ogni anno un bel dividendone (quasi il 10 per cento degli utili), mentre il Comune rimpingua le proprie casse e può così falciare le imposte comunali. TARSU, ICI, trasporti e mensa scolastica sono tutte spese bassissime per i pecciolesi.
Al paesino toscano, tempo fa, la trasmissione Report dedicò anche una "Goodnews". Nel servizio, si sentiva addirittura una persona vantarsi di aver lottato PER la discarica!

La discarica tratta fino a 250'000 tonnellate di rifiuti all'anno e produce anche energia elettrica e vapore per il riscaldamento (dati circostanziati in proposito si trovano in questo pdf dell'Università di Pisa). Con meno di 30 dipendenti, la Belvedere fattura circa €18 milioni all'anno. Peccioli ha ormai un problema opposto rispetto a quello campano: di rifiuti ne vuole troppi! Non per niente, il Comune ha recentemente deciso di "ampliare" la discarica - anche se l'opposizione comunale dice che in realtà più che di ampliamento si tratta di costruzione di una vera e propria seconda discarica - e la Provincia di Pisa ha deciso di non sottoporre il nuovo intervento ad una Valutazione di Impatto Ambientale. Inoltre, pare che l'area scelta per l'ampliamento sia poco idonea e che siano state usate procedure non ortodosse per gli espropri dei terreni (tanto che il TAR ha accolto un ricorso degli espropriati). Vero o no, siamo lontani anni luce dalla Campania.

Sogliano al Rubicone, bel paesino dell'Appennino romagnolo che conta circa 2'900 abitanti, ospita la discarica di Ginestreto, dove vengono conferite circa 160'000 tonnellate di rifiuti/anno.

La Repubblica nel 2004 scriveva:

Le cronache di questi giorni, con le rivolte al Sud e le proteste al Nord, sembrano quelle di Sogliano vent'anni fa. "La discarica - dice il sindaco di oggi, Enzo Baldazzi, 42 anni, repubblicano con giunta di centro sinistra - è costata il posto a due sindaci.

Oggi, Sogliano ha un bilancio comunale di €13 milioni di cui 11 provenienti dalla discarica (metà per i rifiuti conferiti, metà per l'energia elettrica prodotta con il biogas). Metà degli utili va nel sociale, mentre l'altra metà va nelle opere pubbliche (e infatti il paese appare tirato a lustro).

Ecco una breve lista dei benefici che i soglianesi hanno in cambio della discarica:

  • €2.000 per ogni figlio nato;
  • asilo nido gratis, scuola materna gratis sotto una certa soglia di reddito, rimborso dei libri per la scuola superiore e università gratis (fino €1500 di tasse);
  • per chi compra casa, il Comune paga il 60 per cento degli interessi passivi;
  • navetta gratuita per andare al mercato e scuolabus per i ragazzi;
  • corsi di vario tipo per i cittadini: dall'inglese ai vecchi mestieri;
  • Detrazione ICI di 250 euro.

Il sindaco di Sogliano ha un'idea molto positiva della spazzatura: "I rifiuti sono una materia prima - dice - basta saperla utilizzare al meglio e crea ricchezza, risolvendo molti problemi".

Insomma, partiamo da un dato di fatto: da qualche parte i rifiuti vanno messi. Se dunque è giusto - per il bene di tutti - imporre le discariche, è anche giusto compensare chi vicino alla discarica ci deve vivere. Credo invece che le sfide faccia a faccia tra cittadini e governo - come abbiamo visto a Serre e come vediamo adesso a Terzigno - portino poco lontano. D'altronde la "convenienza" delle discariche non deve però distogliere dall'obiettivo primario della riduzione al minimo dei rifiuti.
(foto Eric Perrone)

» E per partito scelgo una discarica (articolo apparso su Il Tirreno il 23/04/2004) su Legambiente.it

» Il paese dove i rifiuti sono d'oro su Repubblica.it

» Rifiuti: un'emergenza tutta italiana. Ma per alcuni comuni è un business su nuovacosenza.com

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 229 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail
26 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO