Uragano Sandy, live streaming: almeno 50 morti negli USA. Danni ingentissimi

17.21: la tempesta è passata. Sono almeno 26 i morti negli U.S.A., 67 nei Caraibi, uno in Canada. Sono in 7,5 milioni i cittadini americani rimasti senza energia elettrica, di cui almeno 750mila nella sola New York, dove si conferma che la metropolitana è completamente allagata. E' ancora presto per fare un bilancio dei danni, che saranno sicuramente molto ingenti.

14.00: il sindaco di New York suggerisce ai cittadini di rimanere in casa.

13.00: sono 16 le vittime dell'uragano Sandy. A New York, nei Queens, si registrano incendi e almeno una cinquantina di appartamenti distrutti.

12.02: il bilancio sale a 15 vittime.

10.31: sono almeno 6,5 milioni le persone ancora senza energia elettrica in 13 stati e nel Distretto di Colombia. Negli States, confermate 13 vittime, che si aggiungono ai 61 nei Caraibi. E stando a quanto spiega la CNN, purtroppo, non è ancora finita.

8.50: la clinica universitaria della New york University (il Langone Medical Center) evacua circa 200 pazienti. Lisa Greiner, la portavoce dell'ospedale, spiega perché:

«Abbiamo problemi alle linee telefoniche, l'ospedale non è in grado di gestire le chiamate dei familiari e avvertirli dell'arrivo dei pazienti. Stiamo per avere nuovamente energia elettrica e non ci sono stati, per il momento, allagamenti nell'ospedale (al massimo nelle fondamenta)».

8.16: i morti causati da Sandy sarebbero almeno undici, secondo la CNN. In West Virginia, in North Carolina e in Connecticut.

7.02: Questo cartello della CNN riassume gli ultimi sviluppi dell'ex uragano Sandy, nella terminologia usata dai media americani diventata una "super storm", una "super tempesta" o se preferite un ciclone post tropicale. Sandy ha già provocato 13 morti negli USA, 5 dei quali nella sola città di New York (67 erano state le vittime nei Caraibi) mentre gli americani rimasti senza corrente elettrica sono più di 6 milioni e mezzo, un numero enorme con la preoccupazione per le autorità di non riuscire a risolvere il problema a breve. Si stima in almeno 7 giorni il tempo necessario per riportare la situazione alla normalità, i danni alle linee elettriche sono seri e localizzati in centinaia di punti diversi. Il blackout, che coinvolge il territorio di 10 stati, per molti non sarà "temporaneo".

Il vero problema, al di là degli allagamenti che hanno colpito le zone con tutti gli occhi puntati addosso da parte dei media mainstream (New York City e l'isola di Manhattan in particolare), è il vento. Le raffiche stanno provocando le interruzioni di corrente e rendono difficili i soccorsi in tutti 23 stati della East Coast colpiti da Sandy. Quasi 60 milioni di statunitensi dovranno fare i conti con il ciclone. Secondo la CNN i danni che il solo vento può aver provocato (al netto di acqua e precipitazioni nevosi) potrebbero arrivare a 3 miliardi dollari. Cifra a dir poco considerevole. Per gli ultimi aggiornamenti potete dare un'occhiata al live streaming.

4.59: Sono due le centrali nucleari nella zona che destano qualche preoccupazione vista la situazione causata dal ciclone Sandy. Quella di Oyster Creek nel New Jersey e quella di Indian Point nello stato di New York, 38 miglia a nord di Manhattan. La prima è minacciata dal livello dell'acqua, che potrebbe portare ad un blocco l'impianto di raffreddamento, la seconda non è esattamente abituata a reggere senza problemi con raffiche di vento superiori ai 120 km/h. Sia chiaro, per ora nessun allarme, tutto sotto controllo (per quanto possa esserlo in questo momento).

4.45: A margine c'è da segnalare una curiosità. La nave affondata ieri pomeriggio nell'Oceano e il cui equipaggio era stato tratto in salvo dalla Guardia Costiera è la replica dell'HMS Bounty, costruita ed utilizzata nel celebre film Gli Ammutinati del Bounty con Marlon Brando.

4.34: Almeno due ospedali di New York sono stati evacuati, il blackout prolungato ha mandato in crisi i generatori delle strutture. I malati sono stati trasferiti in altre strutture.

4.30: L'ultimo tunnel ancora in funzione che collegava Manhattan alla terra ferma è stato chiuso per l'ennesimo allagamento, con i ponti chiusi per motivi di sicurezza di fatto la città di New York è isolata. Intanto il Wall Street Journal sostiene che ci vorrà almeno una settimana per rimettere in funziona la metropolitana.

New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan

New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan

03.50: L'ex Urugano Sandy (declassato a ciclone post tropicale) sta colpendo in queste ore con violenza la Costa Est degli Stati Uniti, ma la sua furia potrebbe arrivare a coinvolgere anche gli stati che non sono direttamente esposti all'Oceano Atlantico. Si tratta di vere e proprie tempeste d'acqua, in zone più interne diventano intense nevicate, e si teme che il livello dei fiumi potrebbe causare allagamenti anche nelle regioni più ad est dello stato dell'Ohio soprattutto nei prossimi giorni. La situazione è complicata e l'emergenza non si esaurirà in poche ore. In questo momento Sandy si trova sopra al New Jersey. Qui potete vedere il live streaming di The Weather Channel che segue lo sviluppo della tempesta.

A New York City l'intera zona di Lower Manhattan è sott'acqua, il fiume Hudson è straripato in più punti, le strade sono impraticabili, il sistema della metropolitana è fermo e molte stazioni della zona sud sono allagate. Questo è un frame di una delle telecamere di sorveglianza.

La città è spettrale e i cittadini (seguendo le indicazioni fornite dalle autorità) sono rifugiati in casa, ma in molti sono rimasti senza elettricità. Nella "città che non dorme mai" non sta sperimentando direttamente i forti venti (che soffiano 130 km/h, con punte anche superiori) e che stanno provocando danni alla distribuzione d'energia. Si calcola che soltanto fra il New Jersey, lo stato di New York, il Maryland, Massachusetts e West Virginia le persone al buio siano oltre tre milioni. Le condizioni meteo impediscono di effettuare le riparazioni più importanti, sono ore di attesa, si attende che la tempesta passi. Già perché ora c'è poco da fare, il Governatore del New Jersey ha spiegato che ormai è troppo tardi per evacuare altre persone (sono oltre 500 mila quelle che hanno ricevuto l'ordine di farlo). Sarebbe più rischioso cercare di spostare i cittadini con il sistema viario in tilt.

La stima parla di 10 morti a causa del maltempo, nel Queens un uomo è stato schiacciato da un albero caduto per la forza del vento. Queste sono alcune delle foto d'agenzia che mostrano i danni, c'è anche un palazzo al quale la tempesta ha letteralmente sradicato la facciata, ma non ci sono state vittime in quel caso. Questo è il video amatoriale che ritrae il momento del crollo parziale:

Un'altra città simbolo sta subendo la furia di Sandy, si tratta di Atlantic City, la Las Vegas della costa Est, nella quale il sindaco ha imposto il coprifuoco. Nessuno, tranne gli addetti ai soccorsi, può muoversi e l'ordine per tutti è quello di restare in casa fino al mattino.

L'ordine non vale per i reporter della CNN che, come vedete in questo screenshot, affrontano l'acqua alta e le raffiche di vento per raccontare "dal vivo" quello che sta succedendo.

Gli aeroporti di New York, La Guardia e JFK, sono chiusi non solo per il maltempo, ma anche perché parte delle piste sono invase dall'acqua. Allagamenti sono segnalati anche a Long Island, ma si teme anche per Washington DC nei prossimi giorni, i livelli del fiume Potomac potrebbero mettere a rischio la Capitale.

30 ottobre 2012, 00.01: Attualmente, Sandy è classificato dal National Hurricane Center come una tempesta di categoria 2 con venti fino a 150 chilometri all'ora. Si trova a 30 miglia da Cape May, nel New Jersey, e si muove in direzione ovest-nordovest a 28 miglia all'ora. Secondo le previsioni, il livello delle acque a New York dovrebbe innalzarsi fino a 3 metri e mezzo sopra il livello normale. L'uragano potrebbe collidere contro un fronte freddo e trasformarsi in una supertempesta che potrebbe generare inondazioni improvvise e addirittura tempeste di neve.

23.52: ci sono almeno 1,5 milioni di persone senza energia elettrica in 11 stati. New York è ancora in attesa di quel che potrebbe accadere, senza certezze.

Uragano Sandy


L'Uragano Sandy è oggetto di una straordinaria copertura mediatica in diretta, a testimonianza della straordinaria preoccupazione che sta generando negli States. Nel video streaming, il live di The Weather Channel, con tutti gli aggiornamenti in tempo reale della situazione.

Il Governatore del Connecticut, Dan Malloy, ha dichiarato senza mezzi termini:

«Questo è l'evento più catastrofico che abbiamo mai affrontato in tutta la nostra vita»


Poi ha spiegato che la dichiarazione dello stato d'emergenza permetterà allo stato di avere aiuti federali.

In serata (ora locale, l'1 ora italiana), la tempesta dovrebbe arrivare sulla costa del New Jersey. Oltre 750 mila persone sono senza energia elettrica in sette stati diversi.

Stato d'emergenza a New York

Sono già state fatte evacuare oltre 375 mila persone dalle zone più a rischio; il presidente Obama ha dichiaranto lo Stato di emergenza per Connecticut, Rhode Island e Pennsylvania, mentre il sindaco di New York Michael Bloomberg ha fatto chiudere le scuole e programmato l'evacuazione delle zone costiere nei cinque distretti della città.

La perturbazione si muove a circa 22 chilometri orari e arriva dal North Carolina e procede verso nordest.

Per prevenire l'emergenza è scesa in campo anche la Guardia nazionale che ha dislocato nella metropoli 1100 uomini.

C'è da considerare che siamo nel pieno della campagna elettorale per le presidenziali e ogni mossa in merito alla gestione politica dell'attuale presidente Obama è sotto l'occhio vigile dei suoi antagonisti: non può permettersi nemmeno una mossa sbagliata o rischia sul serio di perdere a tavolino il secondo mandato presidenziale. Dunque, il principio di precauzione in proposito non è eccessivo.

Ecco le dichiarazioni del Presidente:

«E' una tempesta molto pericolosa, il mio primo messaggio per tutti gli abitanti della costa orientale è: prendete questo allarme molto seriamente. Non sappiamo ancora dove andrà a colpire, dove l'impatto sarà maggiore. Per questo è molto importante da parte nostre rispondere alla grande e in modo rapido alle informazioni locali che stanno cominciando ad arrivare. La tempesta si sta muovendo molto lentamente. Questo vuol dire che potrebbe volerci molto tempo per tornare alla normalità dopo il suo passaggio, ad esempio per ripulire le strade dagli alberi caduti e rimettere le cose a posto in modo che la gente possa muoversi per tornare a casa».

Dunque ecco la decisione di chiudere le scuole e gli aeroporti e di fermare metropolitane e altri trasporti pubblici.

A New York tutti sono chiusi in casa in attesa che dalle 19 si scateni la tempesta Sandy. Se arriverà.

Via | Usa Today

New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan

New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan
New York colpita dalla tempesta, allagamenti a Manhattan

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: