semaforo

Ambiente è sviluppo è stato il titolo di un convegno che si è svolto a Roma lunedì 20 giugno presso la sede del Cnr. L’obiettivo era quello di capire qualcosa in più sui mutamenti climatici. Tra gli interventi più attesi, quello di Richard Lindzen, fisico dell'atmosfera del Massachusetts Institute of Technology (MIT), considerato uno dei massimi esperti in materia.

Lo studioso ha presentato una teoria secondo la quale soltanto l'1,5% dell'effetto serra è generato dalle attività dell'uomo. Un verdetto che, se confermato, minerebbe le basi del Protocollo di Kyoto.

“Le affermazioni di Lindzen – sostiene Legambiente - suonano come la scoperta dell’acqua calda. Egli ricorda che l’effetto serra deriva in massima parte dalla radiazione solare e dal vapore acqueo, e solo per l’1,5% dalle attività dell’uomo. Una banalità, dal momento che senza i raggi del sole e il vapore acqueo la temperatura sulla terra sarebbe di molti gradi sotto lo zero, incompatibile con ogni forma di vita. Il punto è che proprio l’aumento di quella piccola parte di emissioni dovute alla combustione di petrolio e carbone e alla deforestazione, cioè ad attività umane, sta rompendo la stabilità del clima”.

E’ aperto il dibattito

  • shares
  • +1
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: