Eclissi totale di sole: tra poche ore nel sud pacifico

Tra poco meno di sei ore si verificherà la più sfuggente eclissi totale degli ultimi 100 anni: solo pochissimi privilegiati avranno l'onore di poter osservare per intero, nella sua magnifica e fiabesca immagine, il romantico evento astrale.

Mano a mano che la Luna si interporrà tra il Sole e la Terra proietterà la propria ombra lungo un tratto di 160km che coprirà l'intera lunghezza dell'Oceano Pacifico meridionale per diverse ore, lambendo solo inizialmente le coste orientali dell'Australia.

In tal senso si parla dell'eclisse più sfuggente: l'uomo, a meno che non voglia farsi una bella nuotata, avrà pochissimo tempo per osservarla dal vivo.

Jay Pasachoff, astronomo al Williams College in Massachusetts (Usa) ha spiegato con queste parole il concetto di "sfuggenza" dell'eclisse:

Il posto migliore, a terra, per vedere l'eclissi nella sua interezza è lungo i cento chilometri della costa nordorientale dell'Australia che si affacciano sulla Grande barriera corallina e sul Mar dei Coralli. Per spingersi più a est lungo il cammino del cono d'ombra, bisognerà salire su una nave, e ce ne saranno solo un paio lungo la via.

Ovviamente ai pochi fortunati è sconsigliato guardare l'eclissi ad occhio nudo: gli esperti consigliano sempre l'uso di filtri solari professionali su telescopi e macchine fotografiche e degli appositi occhialini oscuri che filtrano le radiazioni ultraviolette e infrarosse; il mito della pellicola fotografica usata come filtro (come feci da bambino) è stato definitivamente smontato.

Il resto del pianeta però, per una volta, potrà restare a guardare: grazie alla diretta online streaming l'evento cosmico sarà alla portata di tutti coloro vorranno.

La zona interessata passerà per il parco nazionale del nord dell'Australia di Garig Gunak Barlu, alle 21:35 italiane di stasera, martedì, per poi spostarsi a Cairns, l'unica città da cui sarà possibile vedere l'eclissi totale per due minuti; successivamente l'ombra della luna si proietterà sempre più verso est, nell'Oceano Pacifico, dove alle 23:11 italiane, raggiungerà la fase più lunga di oscuramento totale (oltre 4 minuti), terminando alle 00:48 a 800km dalle coste cilene del Pacifico.

Un eclissi parziale sarà nel frattempo visibile in una zona più ampia, che comprende la Nuova Zelanda, l'Antartide e il Sud America; un evento che sarà utile anche per la scienza, come spiegato sempre da Pasachoff:

Solo da terra e solo durante un'eclissi riusciamo ad analizzare, ad esempio, il moto e la dinamica della corona solare, le variazioni in temperatura e l'effetto del campo magnetico solare sulla corona.

Via | National Geographic
Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail