Dalla Terra dei fuochi un corteo e una messa per le vittime dell'inquinamento

Oltre 20mila persone sono scese ieri in piazza a Caivano per manifestare contro l'inquinamento pestifero della Terra dei Fuochi. Un corteo di circa 3km ha voluto dire basta all'inquinamento dell'aria e dei suoli che si perpetra da anni ogni notte quando ignoti bruciano rifiuti tossici dalla zona a Nord di Napoli fino a Caserta Sud.

Padre Maurizio Patriciello (lo stesso che fu bacchettato dal prefetto di Napoli per aver chiamato Signora il prefetto di Caserta) ha tenuto una messa in suffragio dei morti per cancro e leucemie, tumori causati dall'inquinamento e a Caivano sono giunte persone da tutto l'hinterland violato dall'inquinamento: Orta di Atella, Marcianise, Succivo, Sant'Arpino. L'appello per questa manifestatione è stato lanciato proprio da Padre Patriciello.

Ha gridato Don Maurizio durante la sua omelia:

I nostri morti gridano con noi: basta! E' necessario far sentire alle istituzioni preposte la nostra voce sempre più forte per debellare questa sciagura così grande dovuta ai numerosi righi tossici che ogni giorno minano la nostra salute e quella delle generazioni future. E' un dramma infame dei rifiuti industriali interrati o dati alle fiamme che coinvolge e sconvolge tutti. Pertanto dobbiamo essere tutti insieme per riprendere la forza di camminare , il coraggio per la speranza di continuare a donare.

Nella foto in basso le immagini delle vittime di tumori causati dall'inquinamento dei roghi tossici in Campania ricordati alla messa di don Patriciello nella foto di Francesco Pascale su Fb.

La questione Terra dei Fuochi è stata portata dai cittadini all'attenzione dell'Europa, considerato l'immobilismo politico della Campania con la presentazione il 30 ottobre scorso alla Commissione petizioni del parlamento europeo la maxiquerela contro la Regione Campania,Province di Napoli e Caserta e 42 Comuni con le 32mila firme raccolte dai comitati.










Via | Il Mattino del 19-11-2012 pag. 41, Campania Notizie
Foto | Ambrogio Vallo via Maurizio Patriciello su FB, Francesco Celiento su FB

  • shares
  • +1
  • Mail