No al pirogassificatore in Val d'Aosta e Beppe Grillo segna ancora una vittoria

Che i grillini e Movimento 5 stelle siano i nuovi ambientalisti lo avevamo già sostenuto ma la prova del 9 arriva con la conferma del referendum propisitivo contro la messa in opera del pirogassificatore che rischiava di essere costruito in Val d'Aosta. Va detto che anche la Valle D'Aosta seppur con appena 128 mila abitanti inizia ad avere il problema della gestione dei rifuti e piuttosto che concentrarsi sulla differenziata la classe politica attuale ha proposto il classico incenerimento, rifiutato dai valdostani. Vediamo com'è andata.

Lo spoglio delle schede comune per comune è stato seguito da Polisblog e ha votato si il 48,92 per cento dei valdostani a sistemi di smaltimento rifiuti basati sulla differenziata e non sull'incenerimento per il 94,06% delle preferenze.

Il punto è che già nel 2009 la Valle d'Aosta aveva categoricamente rifiutato la costruzione di un termovalorizzatore, ma allora perché proporne un'altro sotto mentite spoglie per il nome pirogassificatore nel 2012? (il progetto che tanto piaceva ai politici valdostani ma non ai cittadini). Ecco cosa è successo.

Partiamo da un assunto ovvero le dichiarazioni di Augusto Rollandin presidente della Regione Val D'aosta che a meno di 24 ore dal voto diceva:

Non esiste un piano B perché il referendum non passerà, la maggioranza dei valdostani ha buon senso.

Se mai qualche valdostano avesse avuto dubbi circa la non necessità del pirogassificatore ci ha pensato Beppe Grillo a dissiparli proprio tre giorni fa quando si è presentato in piazza Chanoux ad Aosta il 16 novembre. La questione del bruciare i rifiuti è cara e prediletta a Augusto Rollandin, presidente della Regione dal 1 luglio 2008, nonostante un passato burrascoso. Lui Rollandin, però con tutto il corredo del ciriterio di voler bruciare i rifiuti ha continuato a raccogliere il consenso intorno a se ed è stato votato nell'ultima tornata elettorale nell'Union Valdôtaine lista autonomista con 13.907 voti: come dire? I valdostani sapevano bene dove sarebbe andato a parare con la storia dei rifiuti. Infatti gli attoniti alleati del Pdl che per bocca del coordinatore Alberto Zucchi commentano:

Se andiamo a vedere alcuni suffragi in alcuni comuni valdostani, è evidente di come si debba registrare una enorme spaccatura sul fronte dell’Union”.
Il riferimento esplicito va a realtà come Jovençan (62,98% di votanti) e Hône (54,04%) da sempre feudi della minoranza Uv che fa riferimento a Dino Viérin. "Realtà come queste sono politicamente un segnale molto forte per il partito di maggioranza relativa che ha chiesto ai suoi di non andare a votare".

La salute prima di tutto, viene da dire, no? Comunque Manuela Zublena assessore regionale all'Ambiente incassa il colpo politico e dichiara a Aosta Sera:

Se cambia il quadro normativo entro il quale dobbiamo operare per quanto riguarda il trattamento dei rifiuti, ne prendo atto.Da domani ci confronteremo con il Movimento e con gli altri partiti della maggioranza. Va detto che il tema è stato cavalcato politicamente e l’esempio è quello di Grillo. Qualcuno ha guardato oltre, alle prossime elezioni regionali.

Per quanto riguarda la vittoria del si la spiega così a Aosta Sera Fabio Dovana presidente di Legambiente Piemonte e Aosta ribadendo che in questo caso a vincere è stato proprio il senso di autonomia dei valdostani:

Per la prima volta nella storia della Valle d'Aosta, un referendum propositivo raggiunge il quorum, segno evidente che la popolazione è stufa di una politica che impone le proprie decisioni. La decisione di costruire un impianto impattante come il pirogassificatore non è andata giù ai valdostani che in questi mesi si sono documentati e hanno criticato la scelta dell'amministrazione regionale proponendo valide alternative in una campagna referendaria forte, partecipata e ricca di contenuti. L'interesse da parte della popolazione ad un argomento come la gestione dei rifiuti è un segno positivo: oggi vince la partecipazione!

Foto | Valle Virtuosa su Fb

  • shares
  • +1
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: