300 euro a testa: il costo della pigrizia

costi della poca attività fisica degli europei. foto ishaneOgni anno, ognuno di noi paga di tasca sua 300 euro che servono a curare i cittadini europei ammalati di "sedentarietà".

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha calcolato i costi delle scelte di vita degli europei che disdegnano di muoversi a piedi o in bicicletta: i danni alla salute si manifestano in 600.000 morti ogni anno.
Nel 2003 era stato calcolato che una percentuale tra il 5 e il 10% degli europei moriva prematuramente a causa della scarsa attività fisica. i dati di quest'anno parlano del 10%. I morti sono solo i casi estremi di un malessere diffuso in tutto il vecchio continente: 50 milioni di europei sono esposti quotidianamente a fonti di inquinamento acustico (strade) di accertata nocività. Due terzi degli europei non si muove abbastanza, il 30% e' obeso. L'abuso delle auto e' una delle cause.

Visto che in molti Paesi la sanità e' un servizio pubblico, le spese mediche per curare costoro vengono distribuite su tutti i contribuenti. Io sono la prima a non voler trattare la sanità come una merce, ma visto che il costo di una scelta e' il metro con cui molti governanti prendono le loro decisioni e che in Italia le spese sanitarie sono una grossa fetta della spesa pubblica... ecco, credo sia utile parlare anche la lingua di chi decide.

I motivi egoistici per cui bisognerebbe muoversi di più, oltre al pagare meno tasse, sono vari: mantenersi attivi aumenta il buonumore e il benessere generale, riducendo il pericolo di malattie coronariche, diabete, ipertensione, obesità, cancro, e allontanando stress, ansia, depressione e sensazione di solitudine. Varie società che hanno spinto i propri dipendenti ad una maggiore attività fisica hanno riscontrato una maggiore produttività, più soddisfazione nel lavoro, migliori relazioni interpersonali tra i dipendenti.

Il 50% dei tratti percorsi in auto sono più brevi di 5 chilometri: una distanza che si può coprire in soli 15-20 minuti in bici o in 30-50 minuti camminando a passo veloce.
La principessa Mary di Danimarca, patrona dell'OMS in Europa, ricorda che anche i piccoli gesti quotidiani come andare al lavoro in bicicletta, salire con le scale invece che con l'ascensore, camminare fino ai negozi, giocare o fare sport invece di guardare la TV possono fare una grande differenza.

L"OMS raccomanda almeno 30 minuti di attività fisica per gli adulti e 60 per i bambini, tutti i giorni. Basterebbe sostituire uno degli spostamenti in auto di cui sopra, quelli da meno di 5 km, con una passeggiata, e la dose quotidiana di movimento sarebbe raggiunta, con benefici a cascata sul traffico, sull'inquinamento, sul rumore e sulla qualità della vita.

» Oms: muoversi a piedi o in bici allunga la vita su Adnkronos
» Healthy transport modes can reduce the burden of transport-related ill health: the WHO Regional Office for Europe supports European Mobility Week 2003
» Little or no physical activity at work a reality for half of Europeans OMS 2007

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: