Energia da pellet in Costa Rica

Pellet

Al via in Costa Rica un progetto pilota per trasformare gli scarti inquinanti del legno in una redditizia fonte di energia verde, ovvero la conversione di segatura e altri scarti delle industrie del legno in pellet. Il progetto si basa sul Meccanismo di Sviluppo Pulito (CDM) previsto dal protocollo di Kyoto. Per incentivare i paesi in via di sviluppo a investire in iniziative come questa, è previsto che la riduzione di emissioni ottenuta grazie a un progetto CDM può essere scambiata in tonnellate di CO2 equivalenti per un valore di circa 10 dollari a tonnellata.

In particolare, le segherie di dimensione media e grande evitando il metano potrebbero produrre crediti energetici per un valore di oltre 1 miliardo di dollari per un periodo di credito di sette anni. Ne conseguirebbe che altre società potrebbero ricevere la stessa quantità per la sostituzione del carburante fossile con i pellet. Al fine di garantire maggiori vantaggi per i paesi in via di sviluppo, il metodo CDM esistente è attualmente sotto revisione da parte della FAO, almeno per quanto riguarda i progetti su piccola scala per evitare le emissioni di metano. Si attende quindi l’approvazione da parte del Comitato Esecutivo dell'UNFCCC.

Via | FAO

  • shares
  • Mail