Il ministro dell'agricoltura De Castro è su Twitter

De Castro su Twitter
Dopo "Uòlter" Veltroni, la twitter-mania continua a contagiare i piani alti della politica italiana. A strizzare l'occhio ai frequentatori del web 2.0 stavolta è il ministro dell'agricoltura Paolo De Castro, che ha inaugurato ieri il suo account su Twitter.

Il ministro aggiorna il suo status sia via web che via instant messenger e al momento vanta solo 9 "seguaci". Chissà se il ministro saprà trarre il massimo dalle peculiarità di Twitter, un servizio a metà fra instant messaging e micro-blogging che permette l'immediatezza che altri canali di comunicazione si sognano. E' come avere il numero di cellulare di tutte le persone che si interessano a te: il trucco quindi è non abusare (troppi messaggi al giorno scocciano i "twitteriani") ed essere diretti. Se ci riuscirà, avrà un'occasione per farsi conoscere meglio, tenere informati i suoi sostenitori e forse anche per dare un taglio personale alle questioni che si trova ad affrontare come ministro dell’agricoltura. Ma per quest'ultima cosa pare sia in arrivo anche il blog, sulla scia degli altri ministri-blogger: Di Pietro, Pecoraro Scanio, Gentiloni, Mastella e la Lanzillotta. Il problema di molti (non tutti) di questi blog è che i ministri li usano per fare gli opinionisti tuttologi, per fare polemica o per parlare del più e del meno. Sarebbe bello che De Castro usasse il suo nuovo blog (anche) per spiegare le sue posizioni e le sue proposte in materia di agricoltura. Vedremo cosa vorrà farne.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: