H&M lancia il programma globale di riciclo dell'abbigliamento

H&M avvia una collaborazione con I: Collect (I: Co) per lanciare sia una nuova collezione di abbigliamento, sia per avviare nel febbraio 2013 la raccolta di capi di abbigliamento usati, di qualunque marca, da avviare al riciclo. La raccolta coinvolgerà tutti i negozi della catena nel mondo.

I clienti che doneranno i vestiti usati avranno in cambio un buono. H&M fa sapere che il 95% degli abiti che finiscono ogni anno in discarica potrebbero essere riutilizzati e riciclati. E l'azienda dice di voler ridurre l'impatto ambientale dell'abbigliamento per tutti oil ciclo di vita andando a creare una filiera chiusa nel pieno rispetto dl criterio "dalla culla alla culla".

Lo scorso aprile già Marks & Spencer ha annunciato la sua campagna Shwopping che incoraggia i clienti a riciclare vecchi vestiti in negozi di abbigliamento M & S. Il rivenditore, che ha fissato un obiettivo di riciclo e che vende abbigliamento per 350 milioni di euro all'anno - offre tutti i "shwopped" a Oxfam.

Questa nuova iniziativa di H&M si aggiunge alla nuova collezione di abbigliamento del programma Conscious linea composta da materiali sostenibili e riciclati e rivolta a una moda più ecologica e basata su cotone biologico e con il divieto di usare PFC ossia i composti perfluorinati in tutto l'abbigliamento prodotto dal 1 gennaio 2013.

Questi gli obiettivi di H&M che però sembrano essere messi in dubbio da Greenpeace che nell'ultimo report Dirty Laundry accusa le grandi marche di abbigliamento di inquinare dopo aver effettuato analisi e test su campioni di abbigliamento.

Via | Environmental Leader
Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail