Trichechi spiaggiati in Alaska

particolare tricheco, from EnnMigliaia di trichechi sono spiaggiati nella costa a nord-ovest dell’Alaska. E non è una cosa normale.
Il motivo? Il ghiaccio, dove in estate e in autunno sono soliti riunirsi per cacciare, non c’è più. Il fatto è stato definito dagli ambientalisti “una drammatica conseguenza del riscaldamento globale”.

Già poco tempo fa gli studiosi avevano riferito che quest’anno il livello del ghiaccio artico aveva registrato il livello più basso dal 1970. La media dei giorni in cui il mare ghiaccia sta paurosamente calando: “nel 2030 l’Oceano Artico sarà un mare senza ghiaccio” ha affermato lo scienziato Mark Serreze.

“Sembra che gli animali si stiano spostando per cercare nuove prede – ha detto Tim Ragen, direttore esecutivo della Commissione Mammiferi Marini – la questione è per quanto tempo riusciranno a trovare cibo sufficiente in quest’area”. I trichechi si nutrono principalmente di molluschi e di animali che popolano il fondale marino tuffandosi dalle lastre di ghiaccio raggiungibili dalla costa.


Gli scienziati sono preoccupati principalmente per due motivi: in primis, questi mammiferi sono abituati a vivere sul pack artico molto esteso, non in strette lingue di terra. Inoltre hanno bisogno di banchi di ghiaccio per sostare durante il nuoto. Infatti, come le foche, non possono nuotare per lungo tempo. Ma il pack ora è troppo lontano.

“Storicamente – continua Ragen – i trichechi usavano la banchisa come nastro trasportatore, che in estate sciogliendosi, si spostava verso nord. Ora questo nastro non c’è più”.

Via|Enn

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: