SimCity e i gas serra

simcity introduce le scelte energetiche

Negli scenari di sviluppo urbano di SimCity sarà possibile includere le centrali energetiche e le loro emissioni di gas serra.

BP ha collaborato a definire i dettagli della convenienza economica ed ecologica di varie strategie di rifornimento energetico. Se le città di SimCity Societies dovessero crescere senza badare troppo alle emissioni, si scateneranno delle conseguenze come ondate di calore e siccità. Il gioco comprende anche una versione della sindrome NIMBY, con i terreni posti nelle vicinanze delle centrali a carbone che perderanno di valore.

Una centrale a carbone produce 500 unità di elettricità e costa 3.000 simoleons. Una centrale fotovoltaica dello stesso prezzo produce solo 100 unità di elettricità ma non causa depressione nelle zone adiacenti. Una centrale nucleare costa come 10 centrali a carbone, produce come 3 di loro e, nonostante non emetta gas serra, la gente non e' felice di viverci vicino. Qualcuno si ammala pure.

BP ci tiene a far passare il messaggio di quanto le alternative ecologiche siano costose e bisognose di ampi spazi. Insomma, dopotutto BP e' una delle sette sorelle e vende petrolio, mica possiamo aspettarci che faccia sviluppare una Sim-Società con soluzioni che non ha già adottato lei stessa. Comunque sia nel gioco solo le alternative ecologiche sono marchiate BP, mentre le centrali a carbone sono anonime. Pubblicità pagata da chi acquista il gioco, greenwashing e imprinting sulle nuove generazioni in un colpo solo.

In Europa l'espansione sarà disponibile dal 15 novembre. Si mormora che alle pompe di benzina BP potrebbero esserci delle postazioni per provare il gioco.

Via | The New York Times

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: