Sollecitiamo l'approvazione di EUROVELO per il futuro della bicicletta in Ue

Il prossimo 18 dicembre la Commissione trasporti del Parlamento europeo voterà se inserire o meno la rete europea di ciclovie EUROVELO all’interno della Rete transnazionale di trasporti TEN-T. E solo allora conosceremo le reali intenzioni di Bruxelles in merito al rilancio della mobilità sostenibile e della bicicletta, perché in caso di voto positivo arriveranno anche gli euro. E in Europa a usare regolarmente la bicicletta sono 100 milioni di cittadini. Ecco perché è importante che tutti ci impegniamo a sollecitare questa giusta decisione inviando una mail (ma anche un tweet se ne avete la possibilità) ai parlamentari italiani che andranno a votare il provvedimento e che sono:

Infatti se il progetto EUROVELO viene recepito nella rete transnazionale TEN-T allora per biciclette e cicilisti urbani e non il futuro sarà davvero roseo: saranno completati 70 mila km di ciclovie il che porterebbe la bicicletta a essere il mezzo privilegiato di trasporto in Europa.

Piciclisti riporta il testo da inserire nella mail e gli indirizzi dei parlamentari italiani in Europa a cui scrivere:

Elenco mail (Sostituite l'et con la chiocciolina):
magdicristiano.allam (et)europarl.europa.eu; antonio.cancia(et)europarl.europa.eu, carlo.fidanz(et)europarl.europa.eu, david.sassoli(et)europarl.europa.eu, debora.serracchiani(et)europarl.europa.eu, giommaria.uggias(et)europarl.europa.eu, gabriele.albertini(et)europarl.europa.eu, mara.bizzotto(et)europarl.europa.eu, andrea.cozzolino(et)europarl.europa.eu, salvatore.tatarella(et)europarl.europa.eu, guido.milana(et)europarl.europa.eu

SOGGETTO: La politica europea dei trasporti ignora 100 milioni di cittadini

TESTO MAIL:
Gentile Onorevole,
Sono più di 100 milioni i cittadini europei che usano la bicicletta regolarmente e oltre 35 milioni di loro ne fanno un uso quotidiano. Nonostate questi numeri di rilievo, la bicicletta rischia di essere tagliata fuori da importanti politiche europee di finanziamento.
Lo scorso dicembre 2011, il Parlamento Europeo dimostrò di riconoscere l’importanza dell’aumento del numero dei ciclisti e raccomandò che la rete di ciclovie europee, Eurovelo, fosse incluso all’interno della rete transeuropea di trasporti (Ten-T)
A distanza di un anno, sembra che le istituzioni europee si siano dimenticate dei milioni di cittadini europei che ogni giorno usano la bici. In quanto corpo eletto democraticamente, il Parlamento Europeo ha il dovere di rappresentarli e di proteggerli.
Per questo motivo sono a chiederle in occasione del voto del 18 dicembre di accogliere gli emendamenti riguardanti:


  1. l’integrazione di EuroVelo, all’interno della Rete di Trasporti TransEuropea (TEN-T)
  2. lo sviluppo e il miglioramento delle condizioni delle vie ciclabili ungo i corridoi della TEN-T
  3. la messa in sicurezza delle intersezioni qualora i corridoi della TEN-T attraversino vie ciclabili locali,
    regionali o nazionali.

Cordialmente

Foto | Eurovelo su Fb

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: