Muri fatti di botttiglie: dalla birra all'edilizia

bottiglie Heineken da costruzione

Nel 1963 la Heineken mise sul mercato delle bottiglie di birra a sezione quadrata che avrebbero potuto essere usate come mattoni. Si chiamavano Wobo (WOrld BOttle) ed erano il frutto di una passeggiata di Alfred Heineken su una spiaggia caraibica costellata di bottiglie vuote. Perché buttar via un oggetto che potrebbe avere una seconda vita ed essere impiegato come materiale da costruzione?

Heineken chiese all'olandese John Habraken di perfezionare il design della bottiglia e ne venne fuori il modello che vedete in figura. Ne fu costruito un muro di prova, nella proprietà di Heineken nei Paesi Bassi, a Noordwijk, ma poi l'interesse si spense e il progetto venne abbandonato. Fu un peccato perché, sebbene avesse ampi margini di perfezionamento, portava in sé il concetto di riciclo creativo e di design "from cradle to cradle" (dalla culla alla culla,) ovvero di oggetto che assume funzioni diverse in stadi diversi del suo ciclo di vita, possibilmente circolare.

Oggi quel muro esiste ancora e ne e' stato costruito un secondo da mostrare ai visitatori del museo della birra Heineken, ad Amsterdam. Se volete vederlo affrettatevi, il museo chiuderà il 28 ottobre per essere rinnovato e riallestito. La riapertura e' prevista per giugno 2008.

Via | Inhabitat

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 30 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO