Svolta ecologica per la Marina di Chiavari: fotovoltaico e raccolta differenziata

Marina di Chiavari: porto turistico fotovoltaico
Su Yacht&Sail - il nuovo blog della famiglia blogo dedicato alla gente di mare - c'è un bel post di Proust che ci racconta delle scelte ecologiche fatte dal Comune di Chiavari per quanto riguarda il porto turistico.

Proust ha infatti scoperto che sulla banchina nord del porto turistico è stato installato un impianto fotovoltaico da 19,50 kWp: piuttosto potente, ma dimensionato per ricadere sotto i fatidici 20 kWp, sopra ai quali gli impianti sono considerati industriali ai fini del Conto energia e non possono dunque optare per lo "scambio sul posto". Il porto e le strutture annesse sono quindi principalmente alimentate con energia pulita.

L’impianto fotovoltaico è entrato in funzione all'inizio dell'estate e nel giorno in cui è stato visto da Proust la produzione elettrica era arrivata a 5506 kWh per un equivalente di circa 3860 kg di CO2 non immessa in atmosfera. Qui trovate una galleria completa delle foto scattate da Proust: direi che l'impianto è esteticamente valido.

La Marina di Chiavari ha inoltre acquistato delle piccole auto elettriche per gli spostamenti interni ed ha organizzato un nuovo servizio di raccolta differenziata per rifiuti dannosi quali olii esausti, batterie e filtri. E’ stato anche attivato un servizio di aspirazione di reflui che permette ai diportisti di poter eliminare i liquidi di sentina senza disperdere nulla in mare.

Insomma, complimenti al Comune di Chiavari!

Via | Yacht&Sail

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: