Natale e Capodanno 2012: boom di prenotazioni negli agriturismi italiani

 

Fra Natale e Capodanno quattro agriturismi italiani su cinque ospiteranno i vacanzieri delle festività di fine anno. Secondo le stime di Coldiretti saranno 420mila le presenze nelle strutture ricettive “green”, mentre per CIA Turismo Verde si supererà addirittura il mezzo milione di pernottamenti. In entrambi i casi sarà un successo senza precedenti, logica conseguenza di una crisi che ha ridotto il budget rendendo troppo esosi i viaggi all’estero e le classiche settimane bianche in albergo.

Secondo l’associazione agrituristica Terranostra la maggior parte delle prenotazioni si concentrerà nei giorni a cavallo di Capodanno, mentre nelle festività natalizie l’aggregazione si è concentrata sui classici incontri conviviali in famiglia.

A fare da traino sono le strutture prossime alle città d’arte e ai centri di interesse storico-culturale e quelle situate nei pressi degli impianti sciistici. In Italia si contano ormai 20.413 aziende agricole autorizzate a svolgere attività di agriturismo, con Toscana e Trentino-Alto Adige a fare da capofila con 4.125 e 2.998 aziende rispettivamente, seguono - in ordine decrescente – Lombardia, Veneto, Umbria, Piemonte, Emilia-Romagna, Campania, Sardegna, Lazio e Marche.

I punti di forza della vacanza in agriturismo non vanno rintracciati soltanto nel rapporto qualità-prezzo ma nella ricerca, da parte dei turisti più maturi e consapevoli, di una vacanza in grado di coniugare attività fisica e attenzione all’enogastronomia di prossimità, riduzione dell’impatto ambientale e ricerca di un relax lontano dai divertimentifici.

Per chi fosse alla ricerca di una prenotazione last minute i siti di riferimento restano Terranostra e Turismo Verde.

Foto © Getty Images

  • shares
  • +1
  • Mail