I Police sono i meno ambientalisti

I Police band poco ambientalista Un paio di settimane fa abbiamo parlato di quanto sono bravi i Radiohead, che hanno studiato le emissioni prodotte dai loro concerti e pianificato misure per azzerarle. Oggi parliamo dell'esempio opposto, della band più indifferente dell'ambiente, che risulterebbero essere i Police. Lo dice l'associazione Carbonfootprint, che ha studiato l'impatto di alcune rock band di fama mondiale.

Principale motivo di questo "riconoscimento", la scelta di Sting e compagni di tenere i concerti della loro ultima tournée in grossi impianti lontani dalle città e dalle opportunità di collegamento con i mezzi pubblici, in quattro continenti, per un centinaio di concerti. Come abbiamo imparato leggendo dei Radiohead, sono proprio gli spostamenti dei fans a generare la maggior parte delle emissioni, e quindi pianificare le locations dei concerti pensando a come ridurre i vaggi dei policemaniaci sarebbe stato ambientalmente consigliabile.
A peggiorare la situazione, lo stile di vita non proprio parco dei poliziotti inglesi. Sting ad esempio ha quattro case sparse in tutto il mondo, una anche in Toscana.

Tra i buoni, oltre ai nostri amici Teste di Radio, anche la band del Pete Doherty fidanzato di Kate Moss, quello della cocaina e dei quadri con il sangue. Loro, i Babyshambles, preferiscono fare concerti in piccoli spazi ben collegati dai mezzi e suonano molto spesso staccando la spina, ovvero in versione acustica, risparmiando altra energia.

Via | Corriere.it

Si ringrazia gentax per la segnalazione

»Gli altri EcoVip

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: