Se finisce l'aereo low cost e volare torna chic


Finalmente sono riuscito a leggere un articolo di BusinessWeek sulle compagnie aeree americane, che mi ero segnato qualche giorno fa. In se non sembra dire nulla di che: hanno solo stagliuzzato “temporaneamente” qua e là dei voli. Il motivo: i prezzi del carburante (che per gli aerei si chiama aviocherosene) è aumentato del 39% nell’ultimo mese. E dall’anno scorso sono aumentati del 91%. Ce n’è abbastanza per decidere di chiudere i terminali delle tratte meno battute. Ora, sul prezzo del petrolio si sente dire tutto e il contrario di tutto e sembra sempre che da un momento all’altro i prezzi caleranno e tutto tornerà come prima, quando non ci svegliavamo la mattina e “il greggio ha segnato un altro record storico”.
Il punto - e non serve il talento di un profeta biblico - è che ci stiamo avvicinando al picco petrolifero e che quando le compagnie parlano di “temporaneo”, sanno benissimo che la breve stagione dei voli low cost, sta terminando. Che cosa succederà dopo? Niente di che, almeno per un primo periodo, volare tornerà ad essere un abitudine esclusiva e chic, come negli anni ‘60.

  • shares
  • Mail