Arriva l'agricoltore custode a tutela della biodiversità

Un contadino custodeQualche giorno fa leggevamo di come il 90 % degli europei sia preoccupato per la perdita della biodiversità. E detto fatto in Emilia-Romagna l’Assemblea legislativa regionale ha approvato il progetto di legge "Tutela del patrimonio di razze e varietà locali di interesse agrario del territorio emiliano-romagnolo".

Nasce così l’”agricoltore custode” che conserverà “in situ” e attraverso una convenzione con l’Ente regionale, nel rispetto di rigorose regole, piante o animali tipiche della zona. E gli “agricoltori custodi” saranno iscritti ad un’apposito albo.

"Grazie alla nuova legge per la tutela della biodiversità l’agricoltura emiliano-romagnola ha a disposizione un ulteriore strumento per proseguire lungo la strada della distintività e dell’effettiva valorizzazione delle tante eccellenze che la caratterizzano e che rappresentano una carta fondamentale per reggere la sfida del mercato globalizzato", ha commentato l’assessore regionale all’agricoltura Tiberio Rabboni.

L’obiettivo è quello di impedire la scomparsa di razze animali e di varietà vegetali tipiche della regione. La legge dunque prevede la creazione di un "Repertorio regionale", nell’ambito del quale, con il parere favorevole di una Commissione scientifica, verranno catalogate tutte le risorse tutelate. Gestito dalla Direzione generale agricoltura della Regione, il Repertorio comprenderà sia le varietà originarie dell’Emilia- Romagna, sia quelle che, pur avendo una diversa provenienza, sono state introdotte da lungo tempo e si sono integrate della realtà agricola regionale.

Le varietà e le razze catalogate saranno gestite dalle "Banche del germoplasma", cioè di strutture già esistenti, come laboratori di Centri di ricerca o Istituti universitari, in cui si provvederà per conto della Regione alla conservazione “ex situ” cioè fuori dal campo delle specie a rischio di erosione genetica.
Il nuovo testo di legge è disponibile sul portale Ermes Agricoltura.

Via | Regione Emilia Romagna

  • shares
  • Mail