Il pellet entra nel paniere dell'Istat

nuovo paniere Istat con combustibili solidi. Foto pierre lascottTra i prodotti monitorati dall'Istituto Italiano di Statistica per tenere sotto osservazione l'andamento del costo della vita, da quest'anno ci sono anche i combustibili solidi ovvero pellet e carbone. Il carbone, a dire il vero, mi pare assai ottocentesco in rapporto al riscaldamento domestico, ma visto quanto piaceva a Bersani e quanto si scava al mondo per estrarre carbone da bruciare, pare proprio che sarà uno dei combustibili del futuro.

La motivazione ufficiale dell'ingresso del pellet e' che "il prodotto risulta sempre più presente nei consumi delle famiglie" che, come ben sappiamo su ecoblog, in numeri sempre maggiori cercano alternative economiche per riscaldarsi. L'Istat ha deciso di diminuire del 4,2% il peso dei consumi degli italiani per "abitazione, acqua, energia elettrica e combustibili", per lasciare spazio ad altre spese come istruzione (+9,5%) e generi alimentari (+3%).

Tra le new entry di nostro interesse ci sono anche i prodotti agricoli di coltivazione locale, sia per le attenzioni degli acquirenti ai cibi a km zero, sia per la sempre maggior popolarità dei prodotti tipici.

Via | Istat
Foto | pierre lascott

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: