Mappati gli impatti umani sugli oceani

Per la prima volta è stata mappata l'impronta complessiva delle 17 attività dell'uomo sugli ecosistemi marini: la pesca, i cambiamenti climatici e l'inquinamento hanno lasciato un forte impatto sugli oceani. La situazione è allarmante perché gli scienziati hanno dimostrato che più del 40% dell'ecosistema marino è stato profondamente colpito.

Le conseguenze sono maggiori di quelle previste nel Mare del Nord, nel mare cinese del Nord e del Sud, nei Caraibi, nel Mediterraneo, nel Mar Rosso, nel Golfo Persico, nello Stretto di Bering, lungo la costa Orientale del Nord America e in gran parte del Pacifico Orientale. Sembrano escluse le calotte polari, seppur profondamente colpite dallo scioglimento dei ghiacci.

Sono stati colpiti svariati ecosistemi su diversi livelli (clicca per la mappa ingrandita): lo studio ha rivelato che quasi il 50% delle barriere coralline sono state pesantemente danneggiate. Altre aree interessate dall'impatto umano sono le foreste di mangrovie, le catene montuose sottomarine, le piattaforme continentali e le scogliere rocciose. Gli ecosistemi più vicini alla superficie hanno subito profonde modificazioni non sempre ripristinabili.

A differenza dei precedenti studi incentrati su una singola area geografica o per lo più di un solo fenomeno su scala globale, questo studio dovrebbe guidare lo sviluppo e la gestione futura delle risorse marine, per progettare il trasferimento delle attività ad alto impatto lontano dalle aree più delicate.

Per effettuare l'analisi efficace su scala globale, l'intera superficie oceanica è stata divisa in piccole "cellule" di un chilometro quadrato. Per ciascuna è stata analizzato l'impatto di 17 attività umane con impatti più o meno consistenti. La pesca, l'utilizzo dei pesticidi sulle colture adiacenti al mare, lo sviluppo costiero, l'inquinamento da traffico marittimo sono le attività a più alto impatto. Il 41% delle "cellule" sono esposte ad impatti medio-alti, mentre lo 0.5% (circa 850000 miglia quadrate) versa in gravi condizioni.

I risultati, pubblicati sulla rivista Science, testimoniano una condizione critica ma migliorabile tramite una serie di politiche di tutela ambientale. Istituire delle zone in cui è vietata la pesca, riorganizzare le rotte commerciali marittime e regolamentare lo sfruttamento delle risorse sono solo alcune delle politiche da intraprendere per conservare l'ecosistema marino e permetterne l'utilizzo sostenibile.

Via | The Guardian | Guardian Fotogallery

  • shares
  • Mail